Velazquez, L’infanta Margarita a circa tre anni

Diego Rodriguez de Silva y Velàzquez

L'infanta Margarita a circa tre anni, Vienna Kunsthistorisches Museum (cm. 99,5)
L’infanta Margarita a circa tre anni, Vienna Kunsthistorisches Museum (cm. 99,5)
 Sull’opera: “L’INFANTA MARGARITA A TRE [?] ANNI” è un quadro autografo di Velázquez realizzato con tecnica ad olio su tela nel 1654 (data dubbia ma vicina alla realtà, per via della tenera età dell’infanta della quale si conosce per certo l’anno di nascita; 1651), misura 128 x 99,5 cm. ed è custodito a Vienna nel Kunsthistorisches Museum.

L’infanta Margarita era figlia di Filippo IV e Marianna d’Austria; Nacque nel 1651, poi all’età di soli quindici anni, nel 1666, sposò l’imperatore Leopoldo I di Germania.

 È pressappoco unanime l’ammissione della critica che sia il primo della serie dei ritratti realizzati da Velázquez per la giovane principessa (fino all’Ottocento inoltrato alcuni studiosi pensavano si trattasse dell’infanta Maria Teresa; ma cambia la cronologia, che sostanzialmente è relativa dalla valutazione dell’età della principessa effigiata. La tesi più accettabile sembrerebbe quella più volte ripetuta da C. G. de Marco [“V.V.”]: “tres anos”, quindi 1654. Anche Pantorba sostiene essere esatta tale data, mentre López-Rey indica il 1653. Nel 1816 l’opera risulta catalogata negli inventari della Galleria imperiale.

Una versione leggermente diversa (113 A; 115 x 91 cm.), appartenente ai duchi d’Alba a Madrid (attualmente custodita nel Museo de la Casa de Alba), attribuita allo stesso Velázquez da Sànchez Cantón, era già stata con ragione ritenuta una riproduzione di J. B. del Mazo da Lafuente Ferrari ed Allende-Salazar nel 1943, con il suffragio dei più autorevoli studiosi del Novecento. Altra riproduzione (113 B; 135 X 102 cm.), già presente al Castello di Dachau, poi a Monaco nell’Alte Pinakothek, quindi nel Neues Schloss di Schleiss-heim, risulta essere di più modeste qualità, e, per di più riporta in essa l’erroneo scritto: “MARIA ANNA …”.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *