Luigi Scrosati

(Milano 1815 / 1869)

Pagine correlate: Pittori lombardi A – F – Pittori Lombardi G – Z

Luigi Scrosati

Non frequentò nessuna Accademia ma il suo vigoroso temperamento artistico gli permise un particolare valore per le varie esperienze cromatiche, dimostrate, in una attività dalle reminiscenze  tiepolesche.  La sua produzione comprende maggiormente: affreschi, soggetti floreali ed opere di natura morta, come “Il secchio di rame con fiori” (Milano, Collezione privata), con i quali raggiunse un buon successo e calorosi consensi dai due più acuti e penetranti critici del suo tempo: Vespasiano Bignami e Gustavo Botta.

Il cromatismo dello Scrosati fu un prezioso apporto nell’evoluzione della pittura lombarda prima del Cremona e del Ranzoni.

La sua tavolozza si mostrò sempre squillante e nelle ultime opere il colore si fece maggiormente vibrante. Le note più accese dei rossi e dei viola iniziarono a trascolorare nei rosa e negli azzurri.

L’artista milanese decorò il Palazzo Poldi, il Palazzo Litta, La Villa Ghirlanda a Cinisello e Palazzo Serbelloni insieme con il Bertini ed il Podesti.

Un’opera di Luigi Scrosati:

8 Luigi Scrosati - Secchio di rame con fiori
Secchio di rame con fiori, anno 1866, cm. 78 x 127, Collezione privata, Milano




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *