Storia dell’arte: periodi storici, biografie e opere dei grandi maestri

Frammentiarte: il portale semplice della Storia dell’Arte

Nel sito troverai una grandissima quantità fra le più belle opere di tutti i tempi, eseguite dai più grandi pittori di tutte le epoche della Storia dell’arte.

IN PRIMO PIANO

I periodi della Storia dell’arte

Abbiamo suddiviso la Storia dell’arte in tre grandi periodi, cioè:

00-cavallo-lascaux
Primo periodo: dalla preistoria al Romanico
6-duccio-coronamento-della-maesta
Secondo periodo: dal Gotico al Realismo
renoir-la-colazione-dei-canottieri
Terzo periodo: dall’Impressionismo in poi
29-giotto-la-scacciata-dei-mercanti-dal-tempio
Biografie e vite artistiche dei Pittori e Movimenti
Spatola-per-colori-ad-olio
Tecniche pittoriche: Tecnica ad olio
23-beato-angelico-affreschi-di-san-marco
Quindici “Natività di Gesù” di Grandi Maestri

Questo sito d’arte è semplice da comprendere. Perché semplice? Immergersi nell’arte è semplicemente una cosa stupenda, quindi perché leggere lunghi e pesanti discorsi che molto spesso ci condizionano, deviando i nostri stimoli emozionali su elementi estranei ai nostri gusti?

Basti pensare solo al meraviglioso Barocco, che fino al primo Novecento, per diversi secoli, è stato considerato dalla critica ufficiale come un momento triste della Storia dell’arte, un periodo decadente, di turgida eloquenza, di gonfiezza, di superficiale senso teatrale, di artificio e di altro ancora… compresa la storpiatura dell’espressione “arte seicentesca” con “secentismo”.

L’arte non deve essere catalogata e descritta con astrusi artifizi perché è semplicemente la manifestazione di espressioni personali, e può essere manifestata autonomamente anche dallo spirito più semplice.

Ci sono in questo sito, migliaia e migliaia di opere dei grandi maestri del passato e … pochi, pochissimi paroloni e, tanto meno, discorsi incomprensibili.

Provate a cliccare sul menù dei periodi della Storia dell’arte ed entrerete a diretto contatto con il mondo dell’arte, scremato da ogni superfluo ammennicolo … semplicemente… godendovelo.

QUADRI FAMOSI

Le “Grandi Opere Scelte” dei Pittori famosi: Opere dei grandi Maestri del passato

Una rassegna con oltre 7000 immagini dei più bei quadri di tutti i tempi.
Non vorremmo escludere neanche un artista citato dalla Storia dell’arte ma i pittori famosi sono tantissimi. Promettiamo che cresceranno sempre più!

I PITTORI MACCHIAIOLI E LE LORO OPERE

Quello macchiaiolo, è uno dei movimenti più significativi nella storia dell’arte ottocentesca. Nasce nel cuore di un’importante città d’arte come Firenze, in un pubblico ritrovo, il cui nome diventerà famoso e sinonimo degli incontri dei macchiaioli: il Caffè Michelangelo.

COLORI

Le Tecniche della Pittura e delle arti visive in genere

In questa sezione sono riportate alcune delle numerosissime tecniche delle arti visive..

SCELTI PER VOI DA FRAMMENTIARTE




Biografie e vite artistiche dei Pittori e Movimenti

Questa pagina contiene i collegamenti agli elenchi degli artisti (Pittori famosi del periodo considerato).

Le lettere dell’alfabeto vi collegheranno direttamente alle liste dei pittori famosi interessati.

Generalmente sono stati presi in considerazione i cognomi, ma per grandi artisti come Michelangelo, Raffaello ed altri – che sono più conosciuti per il loro nome o appellativo – provare più volte con con i vari nominativi.

Più sotto sono riportati i più importanti movimenti nella storia dell’arte, ed infine i vari raggruppamenti di pittori “per periodo”.

Pittori famosi dalla A alla Z

A   B   C   D  E-F   G   H  I  J  K  L  M   N-O-P   Q-R   S   T   U-V-W    X-Y-Z

Le biografie degli artisti dalle Vite di Giorgio Vasari, edizione 1550

Le biografie degli artisti dalle Vite di Giorgio Vasari, edizione 1568 

Movimenti artistici

Movimenti e linguaggi artistici A – L:  Action painting (dripping art), Art Nouveau, Arte cinetica, Arte concettuale, arte concreta, Arte degenerata, Arte dolce, Arte informale …

Movimenti e linguaggi artistici M – O: Macchiaiolo, Manierismo, Metafisica, Minimalismo, Mobiliare, Modernismo, Moderno-Rinascimentale, Nazzareno, Neoastrattismo …

Movimenti e linguaggi artistici P – Z: Poesia visiva, Pointillisme, Pompier, Post-Impressionismo, Pop Arts, Post-Modernismo, Preraffaellismo,  Primitivismo, Purismo …

Alcuni raggruppamenti di Pittori

Pittura di Roma (fino al secolo VI)

Pittura di Ravenna (fino al secolo VI)

Pittura di Ravenna ed altre zone (al sec.VI)

Pittura dell’alto Medioevo a Romae fuori RomaPittura romanicaPittori della scuola romana del XIII secolo

Pittori a cavallo del Trecento e QuattrocentoPittori del QuattrocentoPittori del ‘400 e pittori toscani ed umbri

Primitivi fiamminghiPittori a cavallo tra il Quattrocento ed il CinquecentoPittori della Scuola di S. Marco

Pittori romagnoli tra il Quattrocento ed il CinquecentoPittori Toscani  tra Quattrocento e Cinquecento

Pittori veneti a cavallo tra Quattrocento e CinquecentoPittori della Scuola di Raffaello

Pittori Tardo Rinascimento nord e centro 1Pittori Tardo Rinascimento nord e centro 2

Pittori Tardo Rinascimento nord e centro 3Pittori veneti Tardo RinascimentoPittori della Controriforma

Pittori del BaroccoPittori del RococòPittori neoclassiciPittori Lombardi dell’Ottocento

Pittori Veneti dell’Ottocento e NovecentoPittori Scuola di PosillipoPittori macchiaioliPittori impressionisti

Pittori simbolisti francesiPittori espressionistiPittori contemporanei




Quindici “Natività di Gesù” di Grandi Maestri:

 

Quindici “Natività” di pittori famosi con la relativa storia esterna di ogni singola opera. I pittori sono: Beato Angelico, Sandro Botticelli, Bramantino, Caravaggio, Carpaccio, Francesco del Cossa, Memling, Carracci, Grünewald, Correggio, Giotto,  Giorgione, Gentile da Fabriano, Dürer  e Duccio.

23 beato angelico - affreschi di san marco

Beato Angelico: Affreschi di San Marco – Natività, cm. 193 x 164, Firenze: descrizione dell’opera.

60 botticelli - natività mistica

Botticelli: Natività mistica, cm. 75, National Gallery di Londra.   Particolari 1   2: descrizione dell’opera.

2 Bramantino - Natività

Bramantino: Natività, cm. 86,5 x 85, Pinacoteca Ambrosiana di Milano: descrizione dell’opera.

Caravaggio opere/53 la natività

Caravaggio: La natività con i santi Francesco e Lorenzo cm. 197 Chiesa di San Lorenzo Palermo: descrizione dell’opera.

Natività di Cristo

Cavallini: Natività di Cristo (particolare), Basilica di Santa Maria in Trastevere, Roma: descrizione dell’opera.

26 francesco cossa - pala dell'osservanza

Francesco Cossa: Pala dell’Osservanza – L’annunciazione e la Natività, rispettivamente cm. 131 x 113 e 26,5 x 114,5, Gemäldegalerie, Dresda: descrizione dell’opera.

17 Memling - La Natività

Memling: La Natività cm. 21,5, Wallraf-Richartz-Museum, Colonia: descrizione dell’opera.

 40 Carracci - natività della Vergine

Carracci: Natività della Vergine cm. 274 x 155 Louvre di Parigi: descrizione dell’opera.

 Natività con i santi Elisabetta e Giovannino

Correggio: Natività con i santi Elisabetta e Giovannino, 77 x 99 cm. Pinacoteca di Brera Milano: descrizione dell’opera.

11 Grunewald - Altare di Isenheim

Grünewald: Altare di Isenheim – Allegoria della Natività, cm. 43 x 35, Musée d’Unterlinden, Colmar: descrizione dell’opera.

20 Giotto - La Natività e l'annuncio ai pastori

Giotto: La Natività e l’annuncio ai pastori, particolare, cm. 100, Cappella degli Scrovegni, Padova: descrizione dell’opera.

13 Giorgione - Natività allendale

Giorgione: Natività allendale, cm. 111, National Gallery di Washington: descrizione dell’opera.

23 gentile da fabriano - pala dell'adorazione dei magi

Gentile da Fabriano: Pala dell’adorazione dei magi – particolare della Natività, cm. 25 x 62, Galleria degli Uffizi, Firenze: cenni sull’intera opera.

16 Durer - Altare di Paumgartner- la Natività

Dürer : Altare di Paumgartner – la Natività, cm. 126, Alte Pinakothek, Monaco: cenni sull’intera opera.

14 duccio - dalla predella della maestà

Duccio: Predella della Maestà (recto) – La Natività, National Gallery of Art di  Washington: descrizione dell’opera




Colori della pittura: i nomi dei colori

COLORI della pittura: i nomi dei colori

Introduzione ai colori

Un artista pittore deve conoscere assolutamente i principali colori della tavolozza.

Questa pagina, che è praticamente un riassunto dei principali colori, è collegata ad altre pagine che trattano, oltre che di colore – abbastanza da essere paragonato ad un sintetico corso di pittura, un po’ meno ad un corso di disegno – anche di tecniche pittoriche.

Naturalmente il tutto è descritto, come vuole la configurazione generale del sito “Frammenti d’arte”, in modo sintetico e frammentato, tuttavia, il concentrato può benissimo sostituire i complicati discorsi dei vari corsi di disegno online e corsi di pittura online, che per spiegare cose semplici, impiegano pagine su pagine di parole e frasi, ripetute fino alla noia.

La tavolozza dell’artista pittore, in questo sito, è semplice e chiara.

La lezione di pittura e di disegno migliora la razionalità, non l’anima! La pittura viene direttamente dall’anima.

Ci arrivano dall’antichità opere pittoriche perfettamente conservate, mentre altri lavori eseguiti recentemente stanno alterandosi ed andando letteralmente in frantumi.. Tutto questo porta molti di noi alla conclusione che i colori degli antichi maestri fossero migliori di quelli che oggi troviamo in commercio. Nulla di più errato.

I migliori colori del passato si trovano in commercio anche oggi, ed in più, ai giorni nostri, esistono pigmenti ottenuti con procedimenti chimici che hanno assoluta resistenza agli agenti atmosferici ed al tempo. Il problema attuale sta soltanto nel fatto che molti artisti di oggi, non conoscono a fondo le composizioni dei colori e quindi li mescolano ignorando i processi chimici a venire: questi, talvolta innescano sgraditi processi che portano all’alterazione del colore o addirittura alla polverizzazione del pigmento stesso. Gli artisti del passato si formavano nelle botteghe, studiavano i colori, i loro procedimenti di fabbricazione e li ottenevano con le loro formule: conoscevano benissimo le mescole da evitare.

La pittura è la cosa più bella del mondo (siamo in tanti a dirlo)

I nomi dei colori

Azzurrite = carbonato basico di rame; Azzurro ceruleo = zincato di cobalto;  Blu ceruleo =ossido di cobalto e ossido di stagno più stannato di cobalto; Blu di Brema = ossido idrato di rame con solfato di rame e latte di calce precipitato + ammoniaca; azzurro celeste = stannato di cobalto, azzurro di cobalto = ossido di cobalto;  Blu di Parigi = ferro, ferro e sesquiossido di ferro + cianuro ferrico-Protocianuro ottenuto da sale ferrico con ferrocianuro di potassio; azzurro oltremare naturale = Azzurro di lapislazzulli;  Blu di smalto = ossidi metallici con silicato doppio di cobalto e di potassio; azzurro blu di prussia = cianuro di ferro; azzurro blu oltremare non naturale = allumina carbonato di soda e zolfo; indaco = principio colorante vegetale; Blu egiziano =  doppio silicato di rame e calcio, che si ottiene riscaldando, malachite, silice, carbonato di sodio e carbonato di calcio.

Colore bianco

Bianco di antimonio = triossido di antimonio; Bianco di bismuto =bismuto metallico sciolto in acido nitrico concentrato, fatto precipitare ed essiccare; Bianco di China = ossido di zinco; bianco di calce = idrossido di calcio fatto essiccare e trasformato in carbonato di calcio; bianco d’argento = carbonato di piombo; bianco di stagno = ossido di stagno ottenuto con la calcinazione dell’acido stannico e ossalato di stagno; bianco di titanio = ossido di titanio; bianco di solfogeno = zinco ed idrato di bario; bianco di piombo = carbonato di piombo; bianco fisso = solfato di bario; bianco misto = bianco di zinco mescolato con bianco d’argento; terra bianca = fillosilicato idrato di alluminio oppure anidride silicica.

Colore bruno

Bruno di alilzarina = calcinazione della robbia (rubbia tinctorum). ; bruno di Firenze = Cianuri di rame; Aloe = colore bruno derivato dal succo di un legno indiano; bruno di Prussia = calcinazione di blu di Prussia in ambiente con molta aria; bruno di Marte = ossido di ferro precipitato; bruno di robbia = estratto di radice di robbia; bruno trasparente = ossido di ferro calcinato; bruno Avignone = lacca alizarina con pigmento azoico; bruno Van Dyck = solfato di ferro calcinato; terra di cassel = è una terra naturale; terra d’ombra = è una terra naturale; caput mortum = solfato di ferro e impurità da residui in seguito alla distillazione di scisti piritosi ottenuti nel del procedimento dell’acido solforico; terra d’ombra bruciata = è una terra d’ombra ma bruciata; terra di Siena naturale = è la terra di Siena naturale dopo essere stata bruciata, bistro = fuliggine calcinata; terra verde bruciata = manganese, alluminio e silicati ferrosi e ferrici di potassio.

Colore giallo

Giallo di bario = cromato di bario che si ottiene con la precipitazione del cloruro di bario con cromato di potassio; ocra gialla = ossido di ferro; giallo piombo-stagno = stannato di piombo o anche silico stannato di piombo; gialli di cadmio, medio chiaro e scuro = solfuro di cadmio; giallo smalto = solfuro di cadmio macinato con acqua e poi fuso in crogiuoli e macinato di nuovo; gialli di cromo medio, chiaro e scuro = cromato di piombo; giallo di zinco = cromato di zinco; giallo Napoli = antimonio di piombo; giallo di Spincervino = Rhamnus cartharticus (frutto); giallo di Marte = ossido di ferro precipitato, giallo di cobalto o aureolino =  doppio nitrato di cobalto e potassa; giallo di barite = cromato di barite, giallo di stronziana = cromato di stronzio; massicotto = ossido di piombo; giallo indiano = euxantato di magnesia; giallo di Saturno o minio = ossido di piombo; lacca gialla = un derivato del catrame ; Gomma gutta = resina della Cambogia; giallo zafferano = stimmi del Crocus sativus fiore sud europeo ed asiatico.

Colore nero

nero carbone = decomposizioni organiche vegetali di lontane epoche geologiche estratto e macinato; nero d’avorio = avorio calcinato; nero di vite = sementi di vite calcinati; nero di pesca = noccioli di pesca calcinati; nero Germania = carbonio, fosfato di calcio ed altre impurità; nero di Spagna = ; carbonio ed altre impurità derivato dalla calcinazione di sugheri senza presenza di aria; nero di quercia = legno di rovere bruciato; nero di lampada = nero fumo di lampada, grigio di payn e tinta neutra = indaco, lacca carminata e nero di lampada; terra nera = carbonio cristallino generato da carbonati di ferro, calcio e manganese.

Colore rosso

Alkanna = ricavato dalle foglie della Lawsonia ; Vermiglione o cinabro = solfuro di mercurio; rosso di cadmio = selenite di cadmio e solfuro di cadmio; rosso legno di brasile = combinazione di legni rossi che vengono estratti da Caesalpina brasiliensis ed integrati con allumina; rosso carminio = lacca preparata dalla cocciniglia; ocra rossa naturale = ossidi di ferro con silicati argillosi ed integrati con altre impurità; terre rosse rosso inglese, rosso indiano, terra rossa di Venezia, terra rossa di Pozzuoli) = terre naturali originate da ossidi di ferro ottenute bruciando anche delle ocre gialle; lacca di robbia o lacca di garanza = estratto di radice di robbia fissato su allumina; rosso oltremare = solfuro di sodio e silicato di alluminio che si ottiene con la calcinazione a 800 °, 100 parti di caolino, 80 parti di zolfo, 80 di soda e dai 10 ai 15 di carbone ligneo e carbonati.

Colore verde

Crisocolla =  carbonato basico di rame con silicato idrato di rame e malachite; Verde di Brunswich = ossicloruro di rame o cloruro basico di rame ottenuto coprendo le limature del rame con cloruro di ammonio e la precipitazione ottenuta viene poi sciacquata e essiccato; Verde Paolo Veronese = arseniato di rame; verde smeraldo = ossido di cromo idrato; verde ossido di cromo = ossido di cromo anidro; verditer = carbonato basico di rame che si ottiene facendo precipitare il solfato di rame per mezzo di calce e potassa quindi trattata con solfato di rame e cloruro ammonico; verde di cobalto = ossido di zinco e di cobalto; verde permanente = verde ossido di cromo e giallo di cadmio; verde di cadmio = al verde permanente; cinabro verde = blu di prussia e giallo di cromo; verde di zinco = blu di prussia e giallo di zinco; Verde di Schweinfurt = arsenito di rame ed acetato basico di rame che si ottiene dalla precipitazione di 8 parti di acido arsenioso o acetico e di 4 parti di acetato basico di rame, il tutto mescolato fino a raggiungere la separazione del colore; terra verde o verde di Verona = terra naturale; verde vescica = sugo vegetale e lacca verde; lacche verdi = estratti di quercitrone e blu di Prussia; verde oltremare = silicato di alluminio e solfuro di sodio ottenuto dalla calcinazione interrotta (per evitare che  si trasformi in blu) del caolino con zolfo, soda, carbone e carbonato.

Colore violetto

Ametista = quarzo in cui sono presenti il manganese e gli ossidi di ferro; violetto di cobalto = fosfato di cobalto; violetto minerale = fosfato di manganese; violetto di Marte = ossido di ferro, Lacca violetta = derivato del catrame; violetto di smalto = vetro colorato con ossido di manganese macinato con l’acqua fuso, fatto raffreddare e poi macinato di nuovo fino ad avere una polvere microscopica.

Colori tossici più conosciuti:

  • Arancio di cadmio, di cromo, di molibdeno, di piombo e di zolfo
  • Azzurrite, blu ceruleo, di cobalto, di manganese
  • Bianco di bismuto, di piombo, di titanio, di zinco, bianco misto
  • Bruno di Firenze, di manganese, di Prussia, terra d’ombra bruciata
  • Giallo di bario, di cadmio, di cobalto, di cromo, di Napoli, di piombo-stango, di stronzio, di zinco, giallo minerale, terra di Siena
  • Rosso cinabro di miniera, rosso di cadmio, rosso di cromo, terra di Siena naturale, minio
  • Nero di lampada
  • Verde di cadmio, di cinabro, di cobalto, di Guignet, di Sheele, di Schweinfurt, malachite, ossido di cromo trasparente, Veronese, verdigris.
  • Violetto manganese, violetto di cobalto.
  • Altri: realgar, orpimento, oro musivo, massicot, litargirio, gomma di gutta

Delacroix (da un passo del Juornal): In pittura, l’artista stabilisce come un ponte misterioso fra l’animo dei personaggi e quello dello spettatore

Frammentiarte, l’estratto essenziale della storia dell’arte


Storia dell’arte: dall’Impressionismo ad oggi

Dai Macchiaioli e dall’Impressionismo ai nostri tempi

Arte della seconda metà dell’Ottocento

Giovanni Fattori: Silvestro Lega dipinge in riva al mare
Giovanni Fattori: Silvestro Lega dipinge in riva al mare

Macchiaioli: Al nuovo e caratteristico movimento dei macchiaioli si associano pittori provenienti da gran parte d’Italia …

Cenni sull’architettura dell’Ottocento: Alla fine del Neoclassicismo, il dichiarato ritorno alla natura del movimento romantico si esprime con i ruderi del Medioevo …

Arte di Fine Ottocento

Chiesa della salute, cm. 27 x 38 Museo d’Arte Moderna Ca’ Pesaro Venezia.
Chiesa della salute, cm. 27 x 38 Museo d’Arte Moderna Ca’ Pesaro Venezia.

Pittura veneta dell’Ottocento e primo Novecento: Il 1797 è un anno che ha lasciato un marcato cambiamento nella la Storia dell’Arte …

L’arte decorativa e contemporanea a fine 800: La decorazione monumentale, che in questa nostra epoca di lusso sfrenato sembrerebbe dover tenere il primo posto in arte, manca invece di equilibrio …

Renoir: la colazione dei canottieri
Renoir: La colazione dei canottieri, 1880-82 olio su tela 129,5 × 172,5 cm, Phillips Collection, Washington.

Impressionismo cenni: L’impressionismo è nato dalla sperimentazione di un nuovo linguaggio …

Impressionismo francese: Il Movimento impressionista lo possiamo definire come un’avventura artistica, del tutto nuova, che mette fine alle ricerche dell’Ottocento …

Fra l’Impressionismo ed il Post-Impressionismo: Molte volte nel corso dei secoli gli artisti hanno sentito il bisogno di staccarsi dalle regole accademiche…

Post-Impressionismo: Dopo il breve periodo della pittura impressionista, ad iniziare dallo stesso Cézanne, nell’arte di tutta l’Europa si profilano inedite tendenze …

Arte di fine Ottocento-Novecento

Autoritratto di Vincent Van Gogh, 1889,
Autoritratto di Vincent Van Gogh, 1889, olio su tela, 60 x 49 cm., Courtauld Gallery, Londra

Differenza tra Impressionismo e Post-Impressionismo

Neoimpressionismo: Il periodo post-impressionistico vede il mondo dell’arte aperto a grandi cambiamenti ……

I periodi di Pont-Aven e dei Nabis: Maurice Denis (1870-1947) afferma che, «ciò che Manet era stato per la generazione del 1870, lo fu Gauguin per quella del 1890» …

Simbolismo: Il Simbolismo è una corrente artistica che ha origine in Francia nell’Ottocento verso la fine degli anni Ottanta …

L’esotismo di Rousseau

L’arte come “Impegno sociale” ed il Divisionismo

Klimt - il bacio
Il bacio. Anno 1907-1908, olio su tela, 180 × 180 cm., Österreichische

Il linguaggio artistico di Klimt

Il linguaggio di Munch

Fauvisti, Die Brücke e AstrattismoEspressionismoDie BrückeBlaue ReiterFine dell’Espressionismo

Esponenti autonomi dell’EspressionismoLa grafica a stampa dell’Espressionismo

Arte contemporanea (frammenti)Arte moderna e contemporanea (frammenti)

Pittori contemporanei

Frammentiarte, la sintesi della storia dell’arte – note d’arte

Le note d’arte e tutto il materiale fotografico raccolto, sono presenti nelle pagine solo per motivi didattici

Stebuson


Movimenti artistici e periodi pittorici dalla P alla Z

(Ogni frammento riassume il Movimento artistico (i vari link portano agli approfondimenti)

Paul Signac: Notre dame de la Garde Marseilles
Paul Signac: Notre dame de la Garde Marseilles

Come nella tecnica della pittura impressionista, i pigmenti presi dalla tavolozza vengono riportati sul sul supporto pittorico in giusto-accostamento, con la differenza che le macchioline stese diventano, in questo caso, puntini di colore puro, trasformando l’emozione soggettiva in emozione ottica. Signac arriverà ad affermare un’esaltazione mistica della visione, che aprirà la strada a rappresentazioni in chiave simbolista. (vedere anche divisionismo) …….

L’artista “Pompier”  ha una tecnica impeccabile, raffigura in maniera ben definita i soggetti, rifinisce con pazienza certosina tutti i motivi accessori necessari e “non”. Vede l’opera come fondamento di elezione morale, perché richiede attenzione e correttezza, molto lavoro, ed anche il dovere nei confronti delle pubbliche committenze: le tele, perfettamente rifinite con aree che sembrano spazzolate e senza il minimo avvallamento o rilievi di pittura, vengono abbinate inconsapevolmente a cose proibitive e sono realizzate in tempi esageratamente lunghi.

Cezanne: Natura morta con bicchiere, tazza e mele
Cezanne: Natura morta con bicchiere, tazza e mele

Il Post-Impressionismo non è un movimento ma un importante periodo (1880 – 1905) della pittura dove avvengono significativi cambiamenti, che apriranno la strada alle più disparate tendenze del nuovo secolo. È questo il periodo in cui nasce il Simbolismo, il Pointillinsme e, che Cézanne, non riconoscendosi impressionista, studia un tipo di pittura atto a liberare i suoi paesaggi e tutto il loro contenuto dagli attimi transitori, infondendo plasticità e nuova classicità.

Pop art: Terminata l’influenza americana dell”Action paint – Dripping art che caratterizza gli anni Sessanta, si incomincia a profilare la nuova tendenza artistica. Nasce la pop art, che non ha come obiettivo il rapporto emozionale dei precedenti movimenti, ma quello con la neutralità e la naturalezza degli oggetti di uso quotidiano. Oggetti insignificanti vengono perciò raffigurati con enfasi, sia nelle dimensioni che con l’aiuto delle gamme cromatiche: mollette per la stendere al sole i panni, cazzuole, tubetti di dentifricio, diventano sculture monumentali.

La pittura di genere non è altro che la rappresentazione delle scene di vita comune, avente come  soggetto episodi ed eventi quotidiani: ad esempio faccende domestiche e vita lavorativa, brulichii dei mercati, i piaceri della vita all’aria aperta, gente in preghiera, piccole e grandi feste in ambienti interni o all’esterno, ecc.   (si veda anche “Bamboccianti” in questi elenchi).

Non importa il contenuto, non importa la forma letteraria, non importa la forza poetica. La poesia visiva è soltanto composizione delle masse. Queste sono intese come masse di parole scritte che contribuiscono alla campitura dell’opera. Ecco un esempio:

senza senso senza senso senza senso
senza senso senza senso senza senso
senza senso                      senza senso
senza senso senza senso senza senso
senza senso senza senso senza senso

effettivamente senza senso!!! (affermazione che deriva, comunque, da una mia personale visione!)

Questo linguaggio artistico è prevalentemente contrassegnato da sconfinamento, ironia, eclettismo  e collages. I linguaggi che si avvicinano al postmoderno sono la pop art, il magico realismo (quello della letteratura), il decostruttivismo nel campo dell’architettura, il neoromanticismo ed anche il massimalismo.

William Holman Hunt: Capro espiatorio.
William Holman Hunt: Capro espiatorio.

Preraffaelliti: Il propulsore principale del movimento artistico è il critico d’arte e scrittore John Ruskin; più che considerare lo stile artistico, egli mira a suscitare nelle menti del gruppo, una base apostolica e un forte impulso sociale, per cui l’arte ha l’assoluta responsabilità della redenzione ed è connessa alle aspirazioni umane. In netto contrasto con le opere dell’attuale linguaggio della pittura, l’arte si rifà alle tecniche dei tempi di Raffaello Sanzio.

Anche una nazione come la Russia, viene contagiata dalle rivoluzioni dei linguaggi nei primi anni del Novecento. Molti artisti, che dalla Russia si erano spostati in Europa, sviluppano le loro ricerche riversandole nel proprio Paese, con ulteriori perfezionamenti. Hanno origine così le prime avanguardie russe con diverse ben distinte formazioni artistiche: il Primitivismo, il Suprematismo, il Raggismo ed il Costruttivismo. In questi movimenti c’è sempre un po’ di astrattismo, regole prospettiche ed anche rigore intellettuale. Il Primitivismo viene fondato nel 1908 da Natalija Gončarova ed il marito Larinov.

Ottocento: Il Purismo prende ispirazione dal Medioevo, dal Primo Rinascimento ed è in stretta sintonia con il Romanticismo. È anche in sintonia con il Neoclassicismo, pur tuttavia contrasta con esso per gli atteggiamenti melodrammatici che i puristi conferiscono ai soggetti.

Novecento: Il Purismo è originato dal Neoplasticismo e si ispira al neutro, all’economico ed al razionale. Il linguaggio artistico viene arricchito con la ricerca del funzionale, portando l’autore dell’opera, molto spesso, in un angoscioso stato d’animo.

Il Raggismo – considerato come il primo movimento d’origine russa non indirizzato all’arte figurativa – aveva come fine l’integrazione delle istanze futuriste con quelle del movimento neoprimitivista. La nuova pittura acquisiva più forza nella rappresentazione della luce e dei suoi effetti nel conglobamento dello spettro cromatico, nella diffusione, rifrazione e diffrazione dei raggi luminosi sui vari oggetti.

In questo linguaggio artistico le figure sono nitide e ben modellate, con ben definite evidenze plastiche.

Tramonto sul lago Leman (1874)
Gustave Courbet: Tramonto sul lago Leman (1874)

Ai primi cenni di smarrimento del movimento romantico, prende vigore, nelle arti visive, un nuovo e penetrante modo di vedere e sentire il mondo reale: nei rapporti con la collettività, nel paesaggio naturale, nei caratteri personali ed in quelli che contraddistinguono una comunità, in quelli di un’intera nazione. Si genera in questo modo, una nuova forma realistica, che prende aspetti differenti a seconda delle tradizioni del Paese nel quale si trasmette. Inteso soprattutto come un movimento che ha fatto la storia dell’arte, il realismo, è un importante evento che interessa l’intera Europa.

Raffaello Sanzio: Sposalizio della Vergine
Raffaello Sanzio: Sposalizio della Vergine

Questo meraviglioso periodo della storia dell’arte non può assolutamente essere sintetizzato in questa ristretta tabella, perché qualsiasi cosa si scriva sul Rinascimento in maniera riassuntiva e schematica, risulterebbe suscettibile di inesattezze ed ambiguità. Possiamo soltanto dire che nel Rinascimento c’è: un coerente controllo, sia nello spazio che nella raffigurazione, c’è la conquista di una centralità della figura umana fino a raggiungere l’ideale laico, c’è la raffigurazione della realtà in modo obiettivo, anche se molto spesso viene alquanto idealizzata. A questo si aggiungono le rinnovate tecniche, l’uso della prospettiva regolata da schemi matematici, l’aiuto dei letterati nel recupero delle antiche tradizioni classiche, ancorché un nuovo atteggiamento verso la scienza, un nuovo modo di vedere e sentire l’universo e la storia, ma …… non basta ….. si consiglia di cliccare sulla voce.

In questo stile, la ragione conquista la massima credibilità ed il sentimento diviene un puro svago, l’espressione di un linguaggio universale che si fa conoscere da Londra a Parigi, da Vienna a Madrid,  da Praga a Venezia, in tutto il continente europeo. Il Rococò si manifesta in forme assai eleganti, apprensive e al tempo stesso sorridenti, con caratteristiche di gusto contenenti un complesso di sensazioni – talvolta anche contrastanti tra loro – come la tenerezza, squisitezza e impassibilità. Il Rococò appartiene al Settecento ….. il secolo dei grandi movimenti!

L’arte romanica appartiene alle forme artistiche esistenti in Europa tra la metà del XI e la metà del XII secolo, subendo notevoli variazioni tra una zona e l’altra. A cavallo dei due secoli, questo nuovo linguaggio, divenuto quasi unitario, è oggetto di un processo disgregativo e di rimozione nei suoi contenuti, con periodi ed aspetti caratteristici, dipendenti dalle varie tradizioni. Nel campo dell’architettura, l’arte romanica nasce in dipendenza diretta con l’ambiente naturale.

Delacroix: Il massacro di Scio
Delacroix: Il massacro di Scio

Come per l’Impressionismo ed il Rinascimento, il Romanticismo non può essere  descritto sommariamente per non incorrere in inesattezze ed ambiguità. Non si tratta di un vero e proprio linguaggio, di uno stile, una maniera, ma di un movimento molto articolato, di un forte interesse per il gusto e di una nuova forma di percettibilità: l’alto valore della patria e l’importanza della tradizione medievale, i vari livelli imperscrutabili dell’animo umano, l’egocentrismo, i conflitti interiori irrimediabili si compongono in una poetica che produce, nell’arte, schemi sempre più difformi.

L’ arte rupestre appartiene al paleolitico superiore. Varie sono le caratteristiche da considerare nell’arte rupestre: le raffigurazioni delle figure umane sono sempre generalizzate, semplici vedute paesaggistiche, vedute agresti arricchite da ogni tipo di vegetazione.

La Scapigliatura (dal termine francese “bohème” = vita da zingari) fu un movimento artistico-letterario nato nelle regioni settentrionali italiane intorno al 1850-60. Ebbe Milano come epicentro e si sviluppò in breve tempo in tutta la nostra penisola.

Nel mondo dell’arte il termine secessione indica un proponimento artistico-culturale apparso intorno alla fine dell’Ottocento in varie parti d’Europa, soprattutto in Germania ed in Austria. Tale periodo coincideva con il rifiuto di alcuni giovani artisti dei canoni accademici dell’arte e dal conseguente distacco degli stessi dai circuiti espositivi tradizionali, per protestare contro l’eccessivo conservatorismo del periodo.

La Scuola romana rinnega il Novecentismo e favorisce il linguaggio espressionista. Viene fondata a Roma e i suoi esponenti sono Gino Bonichi, la moglie Antonietta Raphael e Mario Mafai, tutti e tre con esperienze di avanguardie, maturate in Francia negli ambienti degli ebrei russi, da Chagall a Soutine. La scuola romana si scioglie quando muore Gino Binocchi detto Scipione, intorno al 1933-34.

Emil Bernard: Scena medioevale
Emil Bernard: Scena medioevale, 1892, cm. olio su tela 63 x 93, Galleria del Levante, Monaco

Il Simbolismo è una corrente artistico-letteraria, che nasce e si sviluppa in Francia negli ultimi decenni dell’Ottocento, i cui esponenti e seguaci, in opposizione alla corrente realista, cercano di esprimere idee, atteggiamenti ed emozioni, usando immagini e parole, cariche di significato simbolico.

Systemic Painting è il nome dato ad una manifestazione pittorica, organizzata nel 1966, al Museo Guggenheim di New York, relativa ad una corrente artistica con linguaggio astratto. Un linguaggio che però, rifiuta l’esasperazione gestuale dell’astrattismo di Pollock. I pittori che partecipano alla manifestazione sono: Agnes Martin, Frank Stella, Robert Ryman ed Ellsworth Kelly. Invitati anche due pittori legati al puro espressionismo astratto, Ad Reinhardt e Barnett Newman.

Questo movimento tende a ricercare una forma di espressione che consenta di uscire dai legami degli strumenti che la tradizione ci mette a disposizione. Oltre a questo, vuole sorpassare i ristretti spazi dell’astrazione geometrica e del nuovo Realismo.

Gli artisti aderenti al movimento aspiravano ad un’arte finalmente affrancata dalla pura rappresentazione del reale a fini pratici ed estetici, rifiutandosi di ubbidire a quella sensibilità verso il plasticismo presente in ogni essere umano. Ricercavano quindi una pittura il cui fine sfociasse con la sola essenza dell’arte: un’arte che doveva essere “fine a se stessa”.

Il Surrealismo è un movimento tipicamente intellettuale che raggruppa dentro di se, oltre alle arti visive, la letteratura ed il cinema. Ha origine a Parigi  verso gli anni Venti e, la sua caratteristica più evidente, risulta essere la violenta critica a tutto ciò che è razionalità e pianificazione. Il linguaggio del movimento surrealista vuole arrivare ad uno stato conoscitivo che va al di là della realtà, e lo raggiunge concedendo libero e sfrenato sfogo alla creativa dell’inconscio. Una raffigurazione pittorica  con caratteristico linguaggio surreale, è certamente più onirica di altri tipi di manifestazioni artistiche, perché concede, all’osservatore dell’opera, la chiave d’accesso per un mondo che si trova al di là della realtà, oltre il mondo comunemente vissuto.

Nel campo della scultura, lo Stile Severo, tende ad una forma espressiva realistica ed ha origine nell’antica Atene ad opera di tre grandi esponenti della scultura: Nesiote, Crizio, ed Egia, mentre ad Argo, ad opera di Agelada. Siamo intorno al 460 a. C.

Il termine tachisme deriva da tache, che significa “macchia di colore”, buttata sulla tela in modo del tutto casuale.

Il linguaggio di questo movimento è di grande libertà di espressione senza dover per forza accostarsi a precisi schemi culturali. Questa libertà permette di indirizzarsi verso più ed eventuali precedenti, senza nessun problema di coerenza formale, né tanto meno di contenuto. Nel periodo che in Italia nasce Transavanguardia, in America si sviluppa il graffitismo urbano, che ha più o meno il medesimo linguaggio espressivo.

Nel 1925 Franz Roh definisce la tendenza al Realismo Magico come una versione del linguaggio espressionista, meno impegnata ideologicamente e permeata da una sfumatura poetica, atta ad attenuare la tipica crudezza del movimento a cui appartiene ed a conferire alla scena un’atmosfera immota e senza tempo.

Quella che comunemente è chiamata Arte vascolare, è l’arte della creazione e decorazione del vaso, che appartiene al periodo Neolitico.

Canaletto: Campo S. Giacometto
Canaletto: Campo S. Giacometto

Il Vedutismo è esclusivamente riferito alla pittura ed è caratterizzato dalla raffigurazione di ampie vedute prospettiche paesaggistiche. La prospettiva viene rispettata in modo assoluto e, i particolari – anche i meno importanti – sono definiti con molta cura. Il Canaletto impiega un nuovo ritrovato – l’antenato della nostra camera oscura – per riportare sulla tela, in modo perfetto, le sue vedute.

William Blake: Beatrice
William Blake: Beatrice

Le figure, dipinte dai pittori visionari, vengono sfrondate fino al raggiungimento dell’immaterialità. Perdono di consistenza, sono poco definite, e nel contempo, sono prive di antropocentrismo tipico del linguaggio neoclassico. Il bello e l’elegante non vengono più interpretati nella statica del corpo, ma con l’emergere di forze interne, che trasfigurano in modo, talvolta minaccioso, la materia, la quale può variare a seconda degli impulsi dello spirito.

ai movimenti dalla A alla L     ai movimenti dalla M alla O


Movimenti artistici e linguaggi pittorici dalla A alla L

Ogni frammento riassume il Movimento artistico (i vari link portano agli approfondimenti).

Stefano Busonero: Esperienza, anno 2007
Stefano Busonero: Esperienza, anno 2007

Pittura gestuale o Pittura d’azione, libera comunque da qualsiasi schema, immediata e spontanea in cui, è permesso qualsiasi mezzo per la stesura o lo sbattimento del colore su qualsiasi supporto. L’opera viene eseguita con gesti violenti, delicati o altro tipo di movimento, che può essere aggraziato ed armonico, o nervoso e disarticolato, atto a gettare pigmento casuale sulla tela

È la decorazione di qualsiasi opera della città, molto spesso floreale, su facciate di palazzi, con modifiche di lampioni (piegati a fiore). Con l’Art Nouveau, l’interesse si sposta sull’oggetto che ha subito la trasformazione. Art nata nel 1890 a Parigi…….

Questa è l’arte del movimento. Le opere sono dotate di vita propria e subiscono diversi tipi di movimento interno, che vanno da quello virtuale  –  dove è l’occhio dell’osservatore a fare la sua parte  –  a quello effettivo, dove gli oggetti raffigurati nel supporto si spostano durante il trasporto, durante l’esposizione o addirittura ad opera dell’osservatore. Un nostro artista è Enzo Mari. …..

L’Arte concettuale rifiuta la tradizione storica, il valore prospettico, i valori sociali, i dettami classici e tradizionali, il soggetto reale e naturale, ed ancora …… l’opera stessa: il parlare dell’opera diventa più importante dell’opera in oggetto. L’opera sparisce …. e se sparisce non ha importanza  …. purché se ne sia parlato! …..

Nasce a Milano nel 1948 con lo scopo di ricercare un linguaggio pittorico puro ma compatibile con la concretezza, rifiutando il “Nuovo realismo” e l’astrattismo puro ……

picasso-les-demoiselles-di-Avignon
Picasso: Les demoiselles di Avignon, olio su tela, 243,9 x 233,7, Museo MoMA, New York.

Con l’insediamento di Hitler, in Germania, assistiamo ad una pianificata pulizia etnica anche nel campo dell’Arte. I Musei nazionali sono epurati da tutte le opere dell’Arte Moderna: quelle dei cubisti, primitivisti, espressionisti, dadaisti e astrattisti.

Questa arte coinvolge i dolci, le torte e tutto ciò che ci allieta dolcemente il gusto del palato. Tutte le opere sono andate distrutte!  …. ed anche quelle che verranno! ….. Peccato!

L’aeropittura è una corrente pittorica interna al movimento Futurista che si diffuse negli anni che seguirono la prima guerra mondiale. Questa espressione artistica rappresenta il mito del progresso e della macchina, simboli anch’essi del movimento fondato da Filippo Tommaso Marinetti. L’aeropittura (termine letteralmente formato da aeroplano e pittura) rappresenta perciò la passione per la velocità ed il dinamismo in genere.

Il concetto di Art brut (brut sta per bruto, brutale, grezzo) fu lanciato per la prima volta nel 1945 dal pittore-scultore francese Jean Dubuffet per classificare non soltanto le creazioni artistiche di autori non appartenenti al mondo dell’arte, quelli cioè che operano fuori delle convenzionali norme estetiche, ma soprattutto quelle di persone rinchiuse in istituzioni come ospedali psichiatrici, carceri, o qualsiasi altro luogo che non sia un ambiente artistico: un’arte, insomma, spontanea e fluida, creata senza alcuna pretesa culturale, derivata non dalla ragione ma dal sentimento.

L’Arte Debole (in inglese, weak art) [Art international, Volumi 6-9] è un una corrente artistica nata in Italia nel 1986. Ebbe origine da una riunione di artisti appartenenti al già costituito “Gruppo di Ricerca Materialista” (nato a Torino verso la fine degli anni Settanta) [Abitare, Edizione 286]. Il gruppo si divise agli inizi degli anni Novanta.

Matisse: Armonia in rosso
Matisse: Armonia in rosso

l termine “contemporaneo” riferito al mondo dell’arte (“arte contemporanea”, “pittura contemporanea” …) ha un preciso ed incontestabile significato, cioè raggruppa tutte le forme artistiche iconografiche succedutesi dopo il periodo post-impressionista, fino ai giorni nostri. Tuttavia l’impiego generico di “contemporaneo”, anche se abbinato all’arte e ad epoche diverse dal Novecento-Duemila, non dovrebbe creare confusione.

Courbet: la sorgente
Courbet: la sorgente

Il termine figurativo, o figurativismo, sta ad indicare quelle opere, pittoriche e non (grafica, scultura, architettura ed ogni genere d’arte plastica), la cui rappresentazione di immagini, a differenza dell’astrattismo, sono identificabili nel mondo che ci circonda. Non ha importanza l’estrema fedeltà al reale, purché questo venga in qualche modo raffigurato.

Prende forza in Europa e negli Stati Uniti negli anni Cinquanta. Movimento di vastissime proporzioni e con molte sfaccettature, l’arte informale rinuncia espressamente alla forma geometrica e figurativa, assumendo valenze di carattere che coinvolgono il gesto, il segno e la materia.

Nell’arte povera c’è l’interesse a recuperare gli elementi primari, naturali e tecnologici che appartengono alla vita quotidiana. Il linguaggio dell’Arte Povera è molto vicino a quello del Nouveau Réalisme, con una sostanziale differenza: non è carico di valenze espressionistiche.

L’arte ufficiale è sostenuta, con ben precisi intenti di autoaffermazione, dalle classi aristocratiche e soprattutto dai governi, concependo opere di natura molto varia ma pur sempre di esplicita chiarezza. L’arte pubblica ha gli stessi intenti ma il “soggetto artistico” è un monumento, un palazzo, o qualsiasi altra struttura.

Kandinsky: lirico
Kandinsky: lirico

Luogo e data di origine: Germania, 1910. L’astrattismo è fondato sulla maniera di interpretare, nell’arte della pittura, uno speciale esercizio purificatore degli istinti per evidenziare l’essenza spirituale nella vita reale. Una reazione alla brutalità del mondo. Un suo interprete: Kandiskij.

Con il termine di Avanguardia si indicano tutti quei fenomeni derivati dal comportamento di artisti e letterari – audaci innovatori dalle idee chiaramente estremiste – che in un periodo non ancora pronto a forti cambiamenti si proposero di rompere con tutto ciò che era tradizionalmente classico, criticandone aspramente il gusto e, soprattutto, coloro che lo perseguivano. Si parla del periodo a cavallo tra l’Ottocento ed il Novecento quando, in anticipo sui tempi, un gruppo di artisti dalle tendenze politico-culturali ottocentesche si riunì firmando un manifesto.

La Bad Painting è una pittura all’apparenza mal eseguita, ove non manca il messaggio ironico, provocatoriamente volgare, con il preciso intento di ridicolizzare i canoni accademici della composizione e l’esagerato intellettualismo – “concettuale” – degli anni Settanta.

Il termine “bambocciante” è l’appellativo del “Bamboccio” al quale a quest’ultimo (vissuto a Roma nel 1600), viene appioppato lo pseudonimo per via del suo anomalo aspetto fisico. La pittura dei bamboccianti è la “Pittura di Genere”.

L'atelier di Camille Corot
L’atelier di Camille Corot

Gli artisti che vi parteciparono erano tutti esponenti del realismo, particolarmente disposti al mantenimento di alcune caratteristiche del linguaggio romantico: l’associazione dello stato d’animo alla visione paesistica, la rappresentazione di pulsioni sincere ed autentiche dei sentimenti, spesso riferite allo stato di umiltà dell’uomo nei confronti delle molteplici suggestioni provenienti dalla natura.

Declinazione lombarda che fa capo allo stile Rococò, caratterizzato per la costante presenza di tratti di questo nuovo linguaggio settecentesco,  come l’eleganza,  la morbidezza, la leggerezza, la grazia, la piacevolezza, commistionati con concezioni tramandate dalla tradizione seicentesca.

Caravaggio: san Giovanni Battista
Caravaggio: san Giovanni Battista

La caratteristica principale di questo stile è la trasfigurazione della realtà naturale, l’alterazione delle misure canoniche, gli effetti di contrazione ed ampliamento dello spazio, quindi anche l’inganno ottico con artifici che amplificano gli effetti emozionali.

Il Barocco Ellenistico vuole fermamente rappresentare l’opera d’arte in base alla valutazione sull’effetto finale e non più in relazione a quello che la natura manifesta, come nella cultura classica.  Dura dal 300 al 168 a. C.

Scuola artistica fondata da Walter Gropius nel 1919. Vuole risolvere la spinosa questione dei contrasti tra processo tecnologico in forte sviluppo a l’arte. Gli insegnanti chiamati a questa Scuola, hanno una notevole libertà creativa.

Se la Brücke contribuì, a sua maniera, alla liberazione dei mezzi linguistici, il Blaue Reiter vi agì intenzionalmente ed in modo assai più radicale. Il Blaue Reiter è una derivazione dalla “Neue Künstlervereinigung München”, un’associazione di artisti fondata a Monaco il 22 gennaio 1909 da Kandinsky.

L’arte bizantina inizia a spandersi quando nelle abitudini della corte e dei letterati di Costantinopoli la lingua greca prevale su quella latina e la koiné (forma dialettale) romana inizia il suo lento declino. Nell’Impero nasce un nuovo linguaggio che porta in seno, in forme estetiche, parte della tradizione romana, le pulsioni barbariche ed il sostrato orientale. Questo processo inizia già dal IV secolo.

Espressione artistica di trasfigurazione e rappresentazione del corpo umano e/o parte di esso: scandalosa l’immissione su mercato artistico della “merda d’artista” di Piero Manzoni.

Il Caravaggismo (da Caravaggio, l’appellativo del grande maestro) è un movimento artistico puramente pittorico nato intorno alla fine del secolo XVI. Il Merisi influì profondamente sulla nuova pittura barocca con le sue rappresentazioni veritiere e vitali e l’impiego di forti contrasti chiaroscurali.

Il termine “Classicismo”, che non indica uno specifico movimento, nel mondo dell’arte è un atteggiamento culturale che consiste nel conferire un valore esemplare agli schemi dell’arte classica antica. Indica quindi la tendenza ad una concezione universale della bellezza ideale, immutevole nel tempo, espressa in considerazione dell’ordine, dell’armonia dell’equilibrio e di ogni altro fattore a cui sia stato assegnato un ruolo autorevolmente esemplare.

L’arte classica mira a raffigurare la natura così come veramente è volendo raggiungere la perfezione. È saldamente legata alla concezione delle cose terrene. L’uomo viene raffigurato con tutte le sue caratteristiche materiali esaltate, incominciando dall’intera configurazione armonica del corpo.

Il CO.BR.A è un gruppo artistico fondato intorno al 1948 con un linguaggio molto vicino a quello espressionista, con piene trasfigurazioni, violente pennellate di colori vivi ed energici avvicinandosi all’astratto, senza mai raggiungerlo.

Il movimento puramente pittorico “Color field painting”, o “Pittura color field” (dall’inglese, per l’appunto, pittura a campi di colore) è caratterizzato dall’impiego di tele di canapa di grandi dimensioni su cui vengono stesi ampi spazi invariati di colore.
  • Computer art Si veda Digital art

Arte della Controriforma: Intorno alla metà del Cinquecento i vari orientamenti all’interno dell’ortodossia romana erano ormai diventati gravemente minacciosi per la tenuta dell’intero sistema ecclesiastico. Il nuovo pensiero, che agli inizi sembrava solamente un semplice dissenso, si fece sempre più forte e mirato soprattutto a combattere il degrado morale di tutta la gerarchia ecclesiastica, tanto che sfociò con la nascita di una Chiesa parallela. La Controriforma del Concilio di Trento, che si rese necessaria, influenzò fortemente gli indirizzi teorici nel mondo dell’arte, compreso naturalmente quello della pittura … ma per un periodo assai breve.

Il Costruttivismo nacque in Russia nel 1913 come movimento culturale che si opponeva al culto dell’arte come “fine a sé stessa” promuovendo, invece, un’arte con scopi sociali, attenta soprattutto ai nuovi materiali ed ai rivoluzionari procedimenti industriali.

L’arte cristiana nasce con la caratteristica essenzialmente religiosa e conserverà la sua supremazia su tutte le altre forme artistiche dell’intera Europa. La nascita e l’espansione dell’arte cristiana si deve innanzitutto alle antiche fonti classiche greche si riversarono nella civiltà di Roma ma in parte anche a quelle orientali ed a quelle barbariche. Nell’arte cristiana prende vigore l’idealizzazione, la linearità ed il cromatismo a scapito della spazialità e della plasticità.

Dai tempi del Rinascimento ad oggi, il cubismo è la più grande rivoluzione artistica mai avvenuta. Rifiuta lo studio compositivo e prospettico per impostare una nuova configurazione formale e concettuale: a piccoli cubi, e, gli oggetti rappresentati si vedono da tutti i punti di vista (anche le loro parti nascoste). Si raffigura ciò che si conosce e non ciò che si vede.

L’artista dadaista rifiuta il concetto di “opera d’arte”. Le raffigurazioni diventano povere, dubbie, e cariche di messaggi allusivi. Si dipingono ferri da stiro, orinatoi e tutto ciò che può generare provocazione.

Nei primi decenni dell’Ottocento assistiamo alla crisi dell’uomo letterato che avverte il fallimento dei propri riferimenti di guida – baluardi inattaccabili del periodo romantico – e la decadenza delle risorse di difesa contro il nuovo male sociale. Esso si sente solo e non gli rimane che ripiegasi in se stesso, facendosi protagonista di esperienze ove diventa la “vittima” principale per la sua incapacità di esprimersi e di impegnarsi in una società in forte cambiamento. Gli intellettuali e gli artisti, in genere, perdono così la fiducia nella propria ragione e si lasciano trasportare in un mondo incomprensibile, sentendo il peso della propria sconfitta.

Associazione di pittori espressionisti nata nel 1905 in Germania. Usano molto spesso i colori dei Fauves e subiscono le influenze dell’arte australiana ed africana. Mettono sempre in relazione arte e vita.

La “Digital art” raggruppa tutte le forme d’arte ottenute attraverso articolate elaborazioni digitali. Perciò il semplice impiego del computer per elaborare testi o filmare scene di qualsiasi tipo (anche artistiche) non viene considerato Arte digitale, in quanto il mezzo impiegato ha il solo scopo di registrare ed immagazzinare.

Si dipinge a puntini “allungati” di pigmento accostati tra loro. Un movimento artistico alquanto sfaccettato che ha diversi punti che convergono con l’Impressionismo ed il Pointillisme francese, mentre altri vi divergono sostanzialmente. La fondamentale differenza, presa dal puro lato tecnico, sta nel fatto che i puntini di pigmento stesi sulla tela dai divisionisti, a differenza di quelli del Pointillisme, si fanno spesso più frastagliati e lunghi, talvolta neanche accostati ma addirittura sovrapposti, “striati e pettinati”. Gli impressionisti, come i macchiaioli ed i seguaci del Pointillisme non sovrappongono le macchie di colore.

  • Dripping Art si veda Action Painting

Deriva dalle Avanguardie che nascono nei primi del Novecento e si contrappone (anche) all’oggettività Impressionista. L’artista porta sulla tela le sue emozioni allo stato puro.

Pittura espressionista. Le loro forme sono semplici, senza linee prospettiche definite, senza il passaggio del chiaro-scuro, colore allo stato puro e qualche volta steso con mezzi diversi dal pennello.

Aderiscono a questo movimento gli artisti della pittura astratta che si riconoscono “formalisti e marxisti”, perseverando sulla concomitanza non contraddittoria di obblighi politici e formali ricerche, in un contesto che tutto sommato non è l’ideale per l’astrattismo. Il gruppo nasce nel 1947 e si scioglie nel 1950.

La Scuola di Fontainebleau può essere considerata come un movimento artistico che nacque e si sviluppò nella Francia di Francesco I,  in uno strettissimo ambiente, legato esclusivamente alle aspirazioni del re. Quest’ultimo, infatti, desiderava che si ricreasse un contesto curtense grandioso ed elegante, all’altezza delle più importanti corti rinascimentali presenti nel continente europeo.

La pittura fiamminga incominciò a diventare importante nei primi decenni del Quattrocento grazie ai pittori delle Fiandre, il cui capostipite fu Jan van Eyck. Lo sviluppo della scuola fiamminga correva in parallelo con l’importanza economica di quell’area, che a quel tempo era assai ricca e prosperosa. La locuzione “pittura fiamminga” lascerebbe intendere, sia nella nostra lingua che in quella di altri Paesi, in modo del tutto improprio, l’arte pittorica dell’intera regione dei Paesi Bassi, e cioè quella delle attuali nazioni di Olanda e Belgio messe assieme, invece …
Il gruppo, che si costituì nel 1961 grazie al lituano-americano George Maciunas (1931-1978), può essere tranquillamente associato al New Dada. Ad esso aderirono anche molti artisti americani. I suoi componenti si identificavano non solo con le arti visive ma soprattutto con la poesia e la musica.

I Futuristi sono in una continua ricerca di originalità ad ogni costo, dell’irrazionale inteso come una violenta passione e piacere di vivere momenti di straordinarie e fugaci soddisfazioni, la trasfigurazione esagerata della tecnologia nella società delle grandi capitalizzazioni. Tutto questo converge con il pubblico sempre più avido e mai sazio di novità. Un nome … Marinetti;  un altro nome nella pittura … Boccioni.

Le tematiche di questa Pittura fanno riferimento alla vita quotidiana, prevalentemente a quella popolana. Gli artisti ritraggono indigenti, soldataglia, pezzenti piccoli venditori, donne che fanno le pulizie ad altro di simile. Rappresentano la realtà con il gusto della stravaganza, arrivando perfino ai limiti dell’efferatezza, ma non cercano il coinvolgimento morale.

La pittura gotica ha una lunghissima strada e si muove parallelamente con l’arte gotica delle grandi cattedrali. Moltissime sono le testimonianze della pittura gotica nel nostro paese, un po’ meno in Francia ed ancor molto meno nel resto dell’Europa a causa della devastante incuria dell’uomo, degli agenti atmosferici e degli eventi naturali del tempo. Il percorso gotico della pittura in Italia, viene sviluppato in cicli di croci dipinte, pale d’altare e affreschi. Questi hanno sofferto nel tempo danni irreparabili, rimozioni, sovrapposizioni talvolta migliorative e, molte volte peggiorative. La pittura gotica, nel periodo che va dal XIII al XIV secolo, predilige la miniatura e le forme di naturalismo. Tre sono gli stili gotici: Quello “Romanzo” legato alle maniere romaniche, quello “Bizantino” legato alle maniere padane e quello “Classicista” attestato al sud ed alla fascia Adriatica. I maggiori esponenti della pittura nel periodo gotico, sono Giotto, Cavallini, Cimabue e gli artisti senesi. Nella scultura Pisano e Arnolfo di Cambio.

Il Graffitismo ebbe origine dall’Hip-Hop, quel movimento nato in America che, oltre il campo della pittura, abbraccia la break-dance e la musica rap. Il Graffitismo naque nel Bronx da giovani ragazzi di colore che desideravano mettersi in mostra con le loro novità, in un modo del tutto caratteristico, per affermare che “Io ci sono ed esisto!”. L’Hip-Hop approdò anche nel nostro continente e, iniziando dalla Francia e dalla Germania, fu un vero e proprio ciclone che ebbe il suo boom intorno alla metà dell’ultimo decennio dello scorso secolo. Purtroppo è un movimento con molte sfaccettature e molto spesso i linguaggi espressivi non coincidono.

L’Happening Performance è un’arte ibrida, un linguaggio artistico che raccoglie liberamente tutte le espressioni, scultoree, pittoriche, fotografiche, teatrali, letterarie, musicali.

L’Impressionismo non può essere riassunto schematicamente in questo spazio strutturalmente dedicato a semplici promemoria perché è un movimento, che per essere capito a fondo, ha bisogno di una profonda analisi in ogni suo aspetto. Molte sono le peculiarità di questo rivoluzionario e meraviglioso movimento che, se prese separatamente, potrebbero portare ad avvicinarlo – sbagliando – ad altri movimenti. Le caratteristiche principali sono: accostamenti di colore a piccole macchie, cattura dell’attimo fuggente (della realtà dell’emozione e del movimento), lavoro all’aria aperta (en plein-air), libertà espressiva, libertà compositiva, trasfigurazione lirica della realtà. L’impressionista può prevedere, dal lato tecnico ed illustrativo, l’opera portata a termine, ma non conoscerà mai, in precedenza, il suo risultato emozionale finale.

  • Installazione

Quando si parla di movimenti artistici il termine “Installazione” è inteso come quell’arte visiva nata negli anni settanta e sviluppatasi nel corso del tempo fino ad assumere l’attuale forma. Generalmente l’Installazione è un’opera d’arte tridimensionale, costituita da oggetti proposti attraverso le più libere ed impensate forme espressive, installati in grandi ambienti (esterni ma anche interni). È una forma d’arte assai prossima a quella della Land Art ma differisce da essa in quanto il fruitore è sempre parte integrante dell’opera stessa.

L’Iperrealismo, di fatto una corrente derivata dalla Pop art, caratterizzato dalla cura maniacale del dettaglio, si diffuse nel continente europeo alla fine degli anni Settanta: l’eccezionale fedeltà nei confronti della realtà, sotto ogni aspetto eccessivamente esagerata, fu abbracciata principalmente nel modo della pittura. Tra gli esponenti di spicco figurano Richard Estes, Chuck Close e Ralph Goings, tutti e tre americani.

Per la Land art, il territorio, una cala, la costa, una collina, un porto, o qualsiasi altro spazio presente sulla Terra, può essere trasformato dall’uomo in opera d’arte. Il problema è purtroppo dei fruitori dell’opera che, per goderla in pieno, devono muoversi per raggiungere colline, monti e, spesso, anche impiegando mezzi aerei.

Lo stile Liberty è espressività grazie al prevalente uso del tratto puro e della linearità dei segni realizzati in superficie, in assenza di ombreggiamenti e, con campitura nitide, ben definite e contrastate. Nasce in Inghilterra nella bottega di Arthur Lazenby Liberty.

continua movimenti dalla M alla O     continua movimenti dalla P alla Z


Elenco libri d’arte

Il libro è il più bel passatempo al mondo ……. poi ….. quando parla d’Arte, la lettura porta  a toccare i livelli più alti che l’uomo possa raggiungere.

Se il libro non ci fosse  …… il libro andrebbe inventato …. viva il libro!

Con una accuratissima ricerca siamo riusciti a trovare dei bellissimi libri d’arte, che abbiamo elencato in ordine alfabetico. Ecco quelli che abbiamo ritenuto essere pertinenti con il mondo dell’Arte.

Queste pagine vengono arricchite anche grazie all’apporto dei gentili visitatori che continuano a segnalarci nuovi libri d’arte

I titoli dei libri sono in ordine alfabetico. Purtroppo un articolo (es: “il” davanti alla parola Rinascimento oppure “la” davanti alla parola Pittura) comporta la catalogazione nella pagina L anziché nelle pagine R o P, quindi si prega di tenerne conto nella ricerca.

Pagina correlata: Bibliografia relativa ai singoli pittori

alle pagine   B-C   D-E  F   G   H-I-J   K-L   M   N-O-P   Q-R   S-T   U-V-Z

  • Abstracta: Austria Germania Italia 1919-1939 – L’altra “arte degenerata” AA.VV. Casa Editrice Electa
  • Acquarelli e disegni del novecento, R. Wedewer-H. Schneidler, Istituto Geografico De Agostini Editore
  • Aldo Borgonzoni, libro curato da G. Bianchino, Casa Editrice Electa
  • Aldo Mondino, Il viaggio, libro curato da A. Fiz, da Mazzotta Editore
  • Alessandra Tesi, libro curato da D. Eccher e G. Maraniello, Casa Editrice Electa
  • Aligi Sassu, Disegni 1929-1990, M. Rosci, da Fabbri Editori
  • Andrea Cascella, Gli anni sessanta, libro curato da G. Appella, Casa Editrice Electa
  • Annet & patrick poirier. dalle Edizioni d’Arte Renografica
  • Anni Novanta, Arnoldo Mondadori Arte Editore
  • Arp e l’avanguardia, libro curato da P. Casè – F. Gualdoni, Casa Editrice Electa
  • Arte borghese nella russia zarista 1812-1851, da Mazzotta Editore
  • Arte e artisti nella modernità, libro curato da A. Negri, Editoriale Jaca Book
  • Artisti russi contemporanei, Museo d’arte contemporanea Luigi Pecci Prato
  • Arturo Martini, la scultura interrogata, Opere dal 1934 al 1947, libro curato da N. Stringa, Marsilio Editori
  • Artworks. Peter Greenaway , libro curato da P. Melia, dalle Edizioni Lindau
  • Arte Enciclopedica Universale, gruppo Editoriale l’Espresso
  • Arte Bizantina – Jannick Durand 2001 by KeyBook/Rusconi libri srl, Santarcangelo di Romagna edito in Italia da LI.BER progetti editoriali  Genova Trad. di Mario Barboni
  • Arte bizantina in Grecia, A. Alpago Novello e G.Dimitrokallis, Motta, 1995
  • A cavallo di un manico di scopa, Gombrich Ernst, Einaudi, 1980.
  • Album del Liberty, Massorbio-Portoghesi, Laterza, 1982.
  • Arte africana, Willet Frank, Einaudi, 1978.
  • Arte astratta e arte figurativa, Vicens Francesco, De Agostini, 1977.
  • Arte dell’Italia fascista, Tempesti Fernando, Feltrinelli, 1976.
  • Arte e conoscenza, AA.VV., Loescher, 1982.
  • Arte e illusione, Gombrich Ernst, Einaudi, 1965.
  • Arte e verità, Sedlmayr Hans, Rusconi, 1984.
  • Arte Enciclopedia Universale Leonardo, AA.VV., Leonardo arte-La Repubblica, 1997.
  • Arte paleolitica, Ucko-Rosenfeld, Il Saggiatore, 1967.
  • Arte visiva e sonora-25 artisti: Galleria d’Arte moderna, Nuova Officina Bolognese, Ediz.d’Arte Renograf, 1992.
  • Arte, industria, rivoluzioni, Castelnuovo Enrico, Einaudi, 1985.

Storia dell’arte: dalla Preistoria al Romanico

 

Periodi nella storia dell’Arte: Dall’arte della preistoria all’arte Romanica

Arte del periodo avanti Cristo

Arte della preistoria, arte rupestre, vascolare e mobiliare

Cavallo, 15000-10000 a.C. nella caverna di Lascaux in Francia
Cavallo, 15000-10000 a.C. nella caverna di Lascaux in Francia

Arte della preistoria: Per arte della preistoria si intende l’espressione artistica di un lunghissimo periodo, della durata di circa un milione di anni, e terminato con la scoperta della scrittura ……

Arte rupestre: Molte sono le caratteristiche da prendere in considerazione nell’arte rupestre: le rappresentazioni delle figure umane

Arte vascolare: Le figure non erano legate a significati simbolici, ma avevano lo scopo di far spostare l’attenzione …….

Arte mobiliare: Dell’arte mobiliare si sa che nasce nel lontanissimo Paleolitico inferiore …….

Arte degli antichi regni

La valle dei re
La valle dei re

Arte degli antichi regni: Dagli inizi del terzo millennio a.C., le popolazioni, soprattutto quelle di coltivatori sparse nelle vicinanze dei fiumi Nilo,Tigri, Eufrate, intorno al Mar Caspio e …………

La Valle dei Re pag. 1: La scelta di questo posto per la sepoltura ebbe origine da più motivi. Tra i principali c’è la credenza religiosa …..La Valle dei re pag. 2: Biban el-Harim o Biban el-Sultanat ovvero, in italiano, la “Valle delle Regine si trova alle spalle di Medinet-Habu , a su-ovest della Valle dei Re ….

Arte dell’antico Egitto: Dalle  mastabe arrivano ai nostri giorni le opere più belle, importanti e significative di tutto l’Antico Regno

Periodo aureo tebano: La città di Tebe diventa quindi la meravigliosa ed affascinante capitale del Nuovo Regno formatosi sulle ceneri del precedente

Arte delle civiltà orientali ed elleniche

Stendardo di Ur: faccia della guerra
Stendardo di Ur: faccia della guerra

Arte dei Sumeri: Le origini e la provenienza del popolo dei Sumeri sono ancora del tutto sconosciute. Sappiamo ….. continua …

La cultura di AkkadArte di Babilonia e AssurArte siriana e palestineseArte iranicaArte anatolica

Arte dell’antico oriente (indo)Cultura artistica cineseArte dell’antico EgeoEventi di rilievo dal 3000 a.C.

tomba del tuffatore
tomba del tuffatore

Civiltà elleniche e italiche

Arcaico, Liberazione e Stile Severo

Periodo FidiaStile Bello nelle città elleniche

150 anni di pittura classica greca: 480 – 330

Arte italica e dell’antica Roma

Pittore di Amico: Particolare dell’idria con la scena del suicidio di Canace (Museo Provinciale di Bari)
Pittore di Amico: Particolare dell’idria con la scena del suicidio di Canace (Museo Provinciale di Bari)

L’arte classica italica 1 – Arte classica Italica 2 –  Arte classica italica 3

Arte classica italica 4Arte classica italica 5Arte classica italica 6 – Arte cl. italica 7

Età classica e la scultura di PrassiteleBarocco EllenisticoL’entrata in gioco di RomaArte Italica (frammenti)

Arte EtruscaPittura di Roma

Rilievo con Augusto, i componenti la sua famiglia, littori e sacerdoti. Ara Pacis
Rilievo con Augusto, i componenti la sua famiglia, littori e sacerdoti. Ara Pacis

Roma, dai re alla RepubblicaEventi di rilievo dal 1000 a.C.

Roma imperiale 1 – Roma imperiale 2 Arte di Roma: Claudi, Flavi, Traiano, Adriano, Aurelio

Arte di Roma: da Commodo a GordianoArte di Roma: da Gallieno a Costantino

Riassunto schematico eventi di rilievo di Roma Imperiale

Arte del periodo dopo Cristo

Arte cristiana, pittura del medioevo, pittura romanica

Galleria con Loculi (Cimitero di Panfilo, Roma)
Galleria con Loculi (Cimitero di Panfilo, Roma)

Arte Cristiana: frammenti – Catacombe

Pittura di Roma (fino al secolo VI)Pittura di Ravenna fino al secolo VI)

Pittura di Ravenna ed altre zone fino al secolo VI)L’Impero CristianoIl popolo cristiano nell’Impero

Il Cristianesimo nell’ImperoL’arte bizantina

L’arte bizantina in Italia – Pittura dell’alto Medioevo a Roma

Duomo di Modena
Duomo di Modena

Pittura alto Medioevo fuori Roma L’arte bizantina nell’area greca e slava Arte Carolingia

Arte Romanica 1 Pag. 2  Pag. 3  Pag. 4  Pag. 5  Pag. 6  Pag. 7 Pag. 8  Pag. 9  Pag. 10  Pag. 11  Pag. 12 

Frammentiarte, i frammenti di storia dell’arte – riassunti d’arte

I riassunti d’arte e tutto il materiale fotografico raccolto, sono presenti nelle pagine solo per motivi didattici


Elenco musei italiani

 Elenco musei , collezioni, gallerie e luoghi d’Arte di alcune città d’Italia

In queste pagine abbiamo inserito i principali musei di alcune città italiane.

Le città prese in considerazione ed indicate nell’elenco sono: musei di Ancona, musei di Aosta, Musei di Bari, musei di Bologna, Cagliari, Campobasso, Catanzaro, musei e gallerie di Firenze, Genova, l’Aquila, musei e gallerie di Milano, Napoli, Palermo, Perugia, Potenza, Reggio Calabria, musei e gallerie di Roma e città del Vaticano, di Siena, Torino, Trento, Trieste, Venezia.

Frammentiarte, il succo della storia dell’arte