Cristo morto sorretto da due angeli di Giovanni Bellini

Giovanni Bellini: Cristo morto sorretto da due angeli

Giovanni Bellini: Cristo morto sorretto da due angeli
Giovanni Bellini: Cristo morto sorretto da due angeli, cm. 74 x 50, Civico Museo Correr, Venezia.

Sull’opera: “Cristo morto sorretto da due angeli”, o “Pietà”, è un dipinto autografo di Giovanni Bellini detto il Giambellino, realizzato con tecnica a tempera su tavola nel 1460, misura 74 x 50 cm. ed è custodito nel Civico Museo Correr, Venezia.

L’opera in esame, in basso al centro, reca il monogramma di Dürer apocrifo ed una data scritta a chiare cifre, corrispondente al 1499.

Già in precedenza assegnata al Dürer (1471-1528) e più tardi al Pennacchi, venne attribuita per la prima volta al Giambellino nel 1885 dal Morelli, a cui seguirono le conferme di altri eminenti studiosi di storia dell’arte, con una cronologia abbondantemente più remota, riferita intorno al 1460 (fonte: Longhi.1949). L’iconografia deriva certamente dal bassorilievo del Donatello dell’altare della Basilica del Santo a Padova.

La coloristica belliniana in questo dipinto ha la forza di esprimere una sofferente umanità che prende forti valenze liriche; la luce crepuscolare, proveniente da sinistra, colpisce le tre figure riversandovi toni di livido avorio, amplificando la tragicità della scena.

La riproduzione dei contenuti di questo sito web di Arte, anche eseguita soltanto in parte, è vietata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.