Storia dell’arte: periodi storici, biografie e opere dei grandi maestri

Frammentiarte: il portale semplice della Storia dell’Arte

Nel sito troverai una grandissima quantità fra le più belle opere di tutti i tempi, eseguite dai più grandi pittori di tutte le epoche della Storia dell’arte.

IN PRIMO PIANO

I periodi della Storia dell’arte

Abbiamo suddiviso la Storia dell’arte in tre grandi periodi, cioè:

00-cavallo-lascaux
Primo periodo: dalla preistoria al Romanico
6-duccio-coronamento-della-maesta
Secondo periodo: dal Gotico al Realismo
renoir-la-colazione-dei-canottieri
Terzo periodo: dall’Impressionismo in poi
29-giotto-la-scacciata-dei-mercanti-dal-tempio
Biografie e vite artistiche dei Pittori e Movimenti
Spatola-per-colori-ad-olio
Tecniche pittoriche: Tecnica ad olio
23-beato-angelico-affreschi-di-san-marco
Quindici “Natività di Gesù” di Grandi Maestri

Questo sito d’arte è semplice da comprendere.

Perché semplice? Immergersi nell’arte è semplicemente una cosa stupenda, quindi perché leggere lunghi e pesanti discorsi che molto spesso ci condizionano, deviando i nostri stimoli emozionali su elementi estranei ai nostri gusti?

Basti pensare solo al meraviglioso Barocco, che fino al primo Novecento, per diversi secoli, è stato considerato dalla critica ufficiale come un momento triste della Storia dell’arte. Per di più un periodo decadente, di turgida eloquenza, di gonfiezza, di superficiale senso teatrale, di artificio e di altro ancora… compresa la storpiatura dell’espressione “arte seicentesca” con “secentismo”.

L’arte non deve essere catalogata e descritta con astrusi artifizi perché è semplicemente la manifestazione di espressioni personali, e può essere manifestata autonomamente anche dallo spirito più semplice.

Ci sono in questo sito, migliaia e migliaia di opere dei grandi maestri del passato e … pochi, pochissimi paroloni e, tanto meno, discorsi incomprensibili.

Provate a cliccare sul menù dei periodi della Storia dell’arte ed entrerete a diretto contatto con il mondo dell’arte, scremato da ogni superfluo ammennicolo … semplicemente… godendovelo.

QUADRI FAMOSI

Le “Grandi Opere Scelte” dei Pittori famosi: Opere dei grandi Maestri del passato

Una rassegna con oltre 7000 immagini dei più bei quadri di tutti i tempi.
Non vorremmo escludere neanche un artista citato dalla Storia dell’arte ma i pittori famosi sono tantissimi. Promettiamo che cresceranno sempre più!

I PITTORI MACCHIAIOLI E LE LORO OPERE

Quello macchiaiolo, è uno dei movimenti più significativi nella storia dell’arte ottocentesca. Nasce nel cuore di un’importante città d’arte come Firenze, in un pubblico ritrovo, il cui nome diventerà famoso e sinonimo degli incontri dei macchiaioli: il Caffè Michelangelo.

COLORI

Le Tecniche della Pittura e delle arti visive in genere

In questa sezione sono riportate alcune delle numerosissime tecniche delle arti visive..

SCELTI PER VOI DA FRAMMENTIARTE


Biografie e vite artistiche dei Pittori e Movimenti

Biografie pittori e movimenti artistici: questa pagina contiene i collegamenti agli elenchi degli artisti (Pittori famosi del periodo considerato).

Le lettere dell’alfabeto vi collegheranno direttamente alle liste dei pittori famosi interessati.

Generalmente sono stati presi in considerazione i cognomi, ma per grandi artisti come Michelangelo, Raffaello ed altri – che sono più conosciuti per il loro nome o appellativo – provare più volte con con i vari nominativi.

Più sotto sono riportati i più importanti movimenti nella storia dell’arte, ed infine i vari raggruppamenti di pittori “per periodo”.

Pittori famosi dalla A alla Z

A   B   C   D  E-F   G   H  I  J  K  L  M   N-O-P   Q-R   S   T   U-V-W    X-Y-Z

Le biografie degli artisti dalle Vite di Giorgio Vasari, edizione 1550

Le biografie degli artisti dalle Vite di Giorgio Vasari, edizione 1568 

Movimenti artistici

Movimenti e linguaggi artistici A – L:  Action painting (dripping art), Art Nouveau, Arte cinetica, Arte concettuale, arte concreta, Arte degenerata, Arte dolce, Arte informale …

Movimenti e linguaggi artistici M – O: Macchiaiolo, Manierismo, Metafisica, Minimalismo, Mobiliare, Modernismo, Moderno-Rinascimentale, Nazzareno, Neoastrattismo …

Movimenti e linguaggi artistici P – Z: Poesia visiva, Pointillisme, Pompier, Post-Impressionismo, Pop Arts, Post-Modernismo, Preraffaellismo,  Primitivismo, Purismo …

Alcuni raggruppamenti di Pittori

Pittura di Roma (fino al secolo VI)

Pittura di Ravenna (fino al secolo VI)

Pittura di Ravenna ed altre zone (al sec.VI)

Pittura dell’alto Medioevo a Romae fuori RomaPittura romanicaPittori della scuola romana del XIII secolo

Pittori a cavallo del Trecento e QuattrocentoPittori del QuattrocentoPittori del ‘400 e pittori toscani ed umbri

Primitivi fiamminghiPittori a cavallo tra il Quattrocento ed il CinquecentoPittori della Scuola di S. Marco

Pittori romagnoli tra il Quattrocento ed il CinquecentoPittori Toscani  tra Quattrocento e Cinquecento

Pittori veneti a cavallo tra Quattrocento e CinquecentoPittori della Scuola di Raffaello

Pittori Tardo Rinascimento nord e centro 1Pittori Tardo Rinascimento nord e centro 2

Pittori Tardo Rinascimento nord e centro 3Pittori veneti Tardo RinascimentoPittori della Controriforma

Pittori del BaroccoPittori del RococòPittori neoclassiciPittori Lombardi dell’Ottocento

Pittori Veneti dell’Ottocento e NovecentoPittori Scuola di PosillipoPittori macchiaioliPittori impressionisti

Pittori simbolisti francesiPittori espressionistiPittori contemporanei


Quindici “Natività di Gesù di Grandi Maestri:

Quindici Natività di pittori famosi con la relativa storia esterna di ogni singola opera. I pittori sono: Beato Angelico, Sandro Botticelli, Bramantino, Caravaggio, Carpaccio, Francesco del Cossa, Memling, Carracci, Grünewald, Correggio, Giotto,  Giorgione, Gentile da Fabriano, Dürer  e Duccio.

23 beato angelico - affreschi di san marco

Beato Angelico: Affreschi di San Marco – Natività, cm. 193 x 164, Firenze: descrizione dell’opera.

60 botticelli - natività mistica

Botticelli: Natività mistica, cm. 75, National Gallery di Londra.   Particolari 1   2: descrizione dell’opera.

2 Bramantino - Natività

Bramantino: Natività, cm. 86,5 x 85, Pinacoteca Ambrosiana di Milano: descrizione dell’opera.

Caravaggio opere/53 la natività

Caravaggio: La natività con i santi Francesco e Lorenzo cm. 197 Chiesa di San Lorenzo Palermo: descrizione dell’opera.

Natività di Cristo

Cavallini: Natività di Cristo (particolare), Basilica di Santa Maria in Trastevere, Roma: descrizione dell’opera.

26 francesco cossa - pala dell'osservanza

Francesco Cossa: Pala dell’Osservanza – L’annunciazione e la Natività, rispettivamente cm. 131 x 113 e 26,5 x 114,5, Gemäldegalerie, Dresda: descrizione dell’opera.

17 Memling - La Natività

Memling: La Natività cm. 21,5, Wallraf-Richartz-Museum, Colonia: descrizione dell’opera.

 40 Carracci - natività della Vergine

Carracci: Natività della Vergine cm. 274 x 155 Louvre di Parigi: descrizione dell’opera.

 Natività con i santi Elisabetta e Giovannino

Correggio: Natività con i santi Elisabetta e Giovannino, 77 x 99 cm. Pinacoteca di Brera Milano: descrizione dell’opera.

11 Grunewald - Altare di Isenheim

Grünewald: Altare di Isenheim – Allegoria della Natività, cm. 43 x 35, Musée d’Unterlinden, Colmar: descrizione dell’opera.

20 Giotto - La Natività e l'annuncio ai pastori

Giotto: La Natività e l’annuncio ai pastori, particolare, cm. 100, Cappella degli Scrovegni, Padova: descrizione dell’opera.

13 Giorgione - Natività allendale

Giorgione: Natività allendale, cm. 111, National Gallery di Washington: descrizione dell’opera.

23 gentile da fabriano - pala dell'adorazione dei magi

Gentile da Fabriano: Pala dell’adorazione dei magi – particolare della Natività, cm. 25 x 62, Galleria degli Uffizi, Firenze: cenni sull’intera opera.

16 Durer - Altare di Paumgartner- la Natività

Dürer : Altare di Paumgartner – la Natività, cm. 126, Alte Pinakothek, Monaco: cenni sull’intera opera.

14 duccio - dalla predella della maestà

Duccio: Predella della Maestà (recto) – La Natività, National Gallery of Art di  Washington: descrizione dell’opera

Vedi altre Natività di Gesù sul sito di Settemuse


Colori della pittura: i nomi dei colori per dipingere

COLORI della pittura: i nomi dei colori

Introduzione ai colori

Un artista pittore deve conoscere assolutamente i principali colori della tavolozza.

Questa pagina, che è praticamente un riassunto dei principali colori, è collegata ad altre pagine che trattano, oltre che di colore – abbastanza da essere paragonato ad un sintetico corso di pittura, un po’ meno ad un corso di disegno – anche di tecniche pittoriche.

Naturalmente il tutto è descritto, come vuole la configurazione generale del sito “Frammenti d’arte”, in modo sintetico e frammentato, tuttavia, il concentrato può benissimo sostituire i complicati discorsi dei vari corsi di disegno online e corsi di pittura online, che per spiegare cose semplici, impiegano pagine su pagine di parole e frasi, ripetute fino alla noia.

La tavolozza dell’artista pittore, in questo sito, è semplice e chiara.

La lezione di pittura e di disegno migliora la razionalità, non l’anima! La pittura viene direttamente dall’anima.

Ci arrivano dall’antichità opere pittoriche perfettamente conservate, mentre altri lavori eseguiti recentemente stanno alterandosi ed andando letteralmente in frantumi.. Tutto questo porta molti di noi alla conclusione che i colori degli antichi maestri fossero migliori di quelli che oggi troviamo in commercio. Nulla di più errato.

I migliori colori del passato si trovano in commercio anche oggi, ed in più, ai giorni nostri, esistono pigmenti ottenuti con procedimenti chimici che hanno assoluta resistenza agli agenti atmosferici ed al tempo. Il problema attuale sta soltanto nel fatto che molti artisti di oggi, non conoscono a fondo le composizioni dei colori e quindi li mescolano ignorando i processi chimici a venire: questi, talvolta innescano sgraditi processi che portano all’alterazione del colore o addirittura alla polverizzazione del pigmento stesso. Gli artisti del passato si formavano nelle botteghe, studiavano i colori, i loro procedimenti di fabbricazione e li ottenevano con le loro formule: conoscevano benissimo le mescole da evitare.

La pittura è la cosa più bella del mondo (siamo in tanti a dirlo)

I nomi dei colori

Azzurrite = carbonato basico di rame; Azzurro ceruleo = zincato di cobalto;  Blu ceruleo =ossido di cobalto e ossido di stagno più stannato di cobalto; Blu di Brema = ossido idrato di rame con solfato di rame e latte di calce precipitato + ammoniaca; azzurro celeste = stannato di cobalto, azzurro di cobalto = ossido di cobalto;  Blu di Parigi = ferro, ferro e sesquiossido di ferro + cianuro ferrico-Protocianuro ottenuto da sale ferrico con ferrocianuro di potassio; azzurro oltremare naturale = Azzurro di lapislazzulli;  Blu di smalto = ossidi metallici con silicato doppio di cobalto e di potassio; azzurro blu di prussia = cianuro di ferro; azzurro blu oltremare non naturale = allumina carbonato di soda e zolfo; indaco = principio colorante vegetale; Blu egiziano =  doppio silicato di rame e calcio, che si ottiene riscaldando, malachite, silice, carbonato di sodio e carbonato di calcio.

Colore bianco

Bianco di antimonio = triossido di antimonio; Bianco di bismuto =bismuto metallico sciolto in acido nitrico concentrato, fatto precipitare ed essiccare; Bianco di China = ossido di zinco; bianco di calce = idrossido di calcio fatto essiccare e trasformato in carbonato di calcio; bianco d’argento = carbonato di piombo; bianco di stagno = ossido di stagno ottenuto con la calcinazione dell’acido stannico e ossalato di stagno; bianco di titanio = ossido di titanio; bianco di solfogeno = zinco ed idrato di bario; bianco di piombo = carbonato di piombo; bianco fisso = solfato di bario; bianco misto = bianco di zinco mescolato con bianco d’argento; terra bianca = fillosilicato idrato di alluminio oppure anidride silicica.

Colore bruno

Bruno di alilzarina = calcinazione della robbia (rubbia tinctorum). ; bruno di Firenze = Cianuri di rame; Aloe = colore bruno derivato dal succo di un legno indiano; bruno di Prussia = calcinazione di blu di Prussia in ambiente con molta aria; bruno di Marte = ossido di ferro precipitato; bruno di robbia = estratto di radice di robbia; bruno trasparente = ossido di ferro calcinato; bruno Avignone = lacca alizarina con pigmento azoico; bruno Van Dyck = solfato di ferro calcinato; terra di cassel = è una terra naturale; terra d’ombra = è una terra naturale; caput mortum = solfato di ferro e impurità da residui in seguito alla distillazione di scisti piritosi ottenuti nel del procedimento dell’acido solforico; terra d’ombra bruciata = è una terra d’ombra ma bruciata; terra di Siena naturale = è la terra di Siena naturale dopo essere stata bruciata, bistro = fuliggine calcinata; terra verde bruciata = manganese, alluminio e silicati ferrosi e ferrici di potassio.

Colore giallo

Giallo di bario = cromato di bario che si ottiene con la precipitazione del cloruro di bario con cromato di potassio; ocra gialla = ossido di ferro; giallo piombo-stagno = stannato di piombo o anche silico stannato di piombo; gialli di cadmio, medio chiaro e scuro = solfuro di cadmio; giallo smalto = solfuro di cadmio macinato con acqua e poi fuso in crogiuoli e macinato di nuovo; gialli di cromo medio, chiaro e scuro = cromato di piombo; giallo di zinco = cromato di zinco; giallo Napoli = antimonio di piombo; giallo di Spincervino = Rhamnus cartharticus (frutto); giallo di Marte = ossido di ferro precipitato, giallo di cobalto o aureolino =  doppio nitrato di cobalto e potassa; giallo di barite = cromato di barite, giallo di stronziana = cromato di stronzio; massicotto = ossido di piombo; giallo indiano = euxantato di magnesia; giallo di Saturno o minio = ossido di piombo; lacca gialla = un derivato del catrame ; Gomma gutta = resina della Cambogia; giallo zafferano = stimmi del Crocus sativus fiore sud europeo ed asiatico.

Colore nero

nero carbone = decomposizioni organiche vegetali di lontane epoche geologiche estratto e macinato; nero d’avorio = avorio calcinato; nero di vite = sementi di vite calcinati; nero di pesca = noccioli di pesca calcinati; nero Germania = carbonio, fosfato di calcio ed altre impurità; nero di Spagna = ; carbonio ed altre impurità derivato dalla calcinazione di sugheri senza presenza di aria; nero di quercia = legno di rovere bruciato; nero di lampada = nero fumo di lampada, grigio di payn e tinta neutra = indaco, lacca carminata e nero di lampada; terra nera = carbonio cristallino generato da carbonati di ferro, calcio e manganese.

Colore rosso

Alkanna = ricavato dalle foglie della Lawsonia ; Vermiglione o cinabro = solfuro di mercurio; rosso di cadmio = selenite di cadmio e solfuro di cadmio; rosso legno di brasile = combinazione di legni rossi che vengono estratti da Caesalpina brasiliensis ed integrati con allumina; rosso carminio = lacca preparata dalla cocciniglia; ocra rossa naturale = ossidi di ferro con silicati argillosi ed integrati con altre impurità; terre rosse rosso inglese, rosso indiano, terra rossa di Venezia, terra rossa di Pozzuoli) = terre naturali originate da ossidi di ferro ottenute bruciando anche delle ocre gialle; lacca di robbia o lacca di garanza = estratto di radice di robbia fissato su allumina; rosso oltremare = solfuro di sodio e silicato di alluminio che si ottiene con la calcinazione a 800 °, 100 parti di caolino, 80 parti di zolfo, 80 di soda e dai 10 ai 15 di carbone ligneo e carbonati.

Colore verde

Crisocolla =  carbonato basico di rame con silicato idrato di rame e malachite; Verde di Brunswich = ossicloruro di rame o cloruro basico di rame ottenuto coprendo le limature del rame con cloruro di ammonio e la precipitazione ottenuta viene poi sciacquata e essiccato; Verde Paolo Veronese = arseniato di rame; verde smeraldo = ossido di cromo idrato; verde ossido di cromo = ossido di cromo anidro; verditer = carbonato basico di rame che si ottiene facendo precipitare il solfato di rame per mezzo di calce e potassa quindi trattata con solfato di rame e cloruro ammonico; verde di cobalto = ossido di zinco e di cobalto; verde permanente = verde ossido di cromo e giallo di cadmio; verde di cadmio = al verde permanente; cinabro verde = blu di prussia e giallo di cromo; verde di zinco = blu di prussia e giallo di zinco; Verde di Schweinfurt = arsenito di rame ed acetato basico di rame che si ottiene dalla precipitazione di 8 parti di acido arsenioso o acetico e di 4 parti di acetato basico di rame, il tutto mescolato fino a raggiungere la separazione del colore; terra verde o verde di Verona = terra naturale; verde vescica = sugo vegetale e lacca verde; lacche verdi = estratti di quercitrone e blu di Prussia; verde oltremare = silicato di alluminio e solfuro di sodio ottenuto dalla calcinazione interrotta (per evitare che  si trasformi in blu) del caolino con zolfo, soda, carbone e carbonato.

Colore violetto

Ametista = quarzo in cui sono presenti il manganese e gli ossidi di ferro; violetto di cobalto = fosfato di cobalto; violetto minerale = fosfato di manganese; violetto di Marte = ossido di ferro, Lacca violetta = derivato del catrame; violetto di smalto = vetro colorato con ossido di manganese macinato con l’acqua fuso, fatto raffreddare e poi macinato di nuovo fino ad avere una polvere microscopica.

Colori tossici più conosciuti:

  • Arancio di cadmio, di cromo, di molibdeno, di piombo e di zolfo
  • Azzurrite, blu ceruleo, di cobalto, di manganese
  • Bianco di bismuto, di piombo, di titanio, di zinco, bianco misto
  • Bruno di Firenze, di manganese, di Prussia, terra d’ombra bruciata
  • Giallo di bario, di cadmio, di cobalto, di cromo, di Napoli, di piombo-stango, di stronzio, di zinco, giallo minerale, terra di Siena
  • Rosso cinabro di miniera, rosso di cadmio, rosso di cromo, terra di Siena naturale, minio
  • Nero di lampada
  • Verde di cadmio, di cinabro, di cobalto, di Guignet, di Sheele, di Schweinfurt, malachite, ossido di cromo trasparente, Veronese, verdigris.
  • Violetto manganese, violetto di cobalto.
  • Altri: realgar, orpimento, oro musivo, massicot, litargirio, gomma di gutta

Delacroix (da un passo del Juornal): In pittura, l’artista stabilisce come un ponte misterioso fra l’animo dei personaggi e quello dello spettatore

Frammentiarte, l’estratto essenziale della storia dell’arte


Storia dell’arte: dall’Impressionismo ad oggi

Storia dell’arte dall’Impressionismo ad oggi

Arte della seconda metà dell’Ottocento

Giovanni Fattori: Silvestro Lega dipinge in riva al mare
Giovanni Fattori: Silvestro Lega dipinge in riva al mare

Macchiaioli: Al nuovo e caratteristico movimento dei macchiaioli si associano pittori provenienti da gran parte d’Italia …

Cenni sull’architettura dell’Ottocento: Alla fine del Neoclassicismo, il dichiarato ritorno alla natura del movimento romantico si esprime con i ruderi del Medioevo …

Arte di Fine Ottocento

Chiesa della salute, cm. 27 x 38 Museo d’Arte Moderna Ca’ Pesaro Venezia.
Chiesa della salute, cm. 27 x 38 Museo d’Arte Moderna Ca’ Pesaro Venezia.

Pittura veneta dell’Ottocento e primo Novecento: Il 1797 è un anno che ha lasciato un marcato cambiamento nella la Storia dell’Arte …

L’arte decorativa e contemporanea a fine 800: La decorazione monumentale, che in questa nostra epoca di lusso sfrenato sembrerebbe dover tenere il primo posto in arte, manca invece di equilibrio …

Renoir: la colazione dei canottieri
Renoir: La colazione dei canottieri, 1880-82 olio su tela 129,5 × 172,5 cm, Phillips Collection, Washington.

Impressionismo cenni: L’impressionismo è nato dalla sperimentazione di un nuovo linguaggio … altro …

Impressionismo francese: Il Movimento impressionista lo possiamo definire come un’avventura artistica, del tutto nuova, che mette fine alle ricerche dell’Ottocento … altro …

Fra l’Impressionismo ed il Post-Impressionismo: Molte volte nel corso dei secoli gli artisti hanno sentito il bisogno di staccarsi dalle regole accademiche … altro …

Post-Impressionismo: Dopo il breve periodo della pittura impressionista, ad iniziare dallo stesso Cézanne, nell’arte di tutta l’Europa si profilano inedite tendenze …

Arte di fine Ottocento-Novecento

Autoritratto di Vincent Van Gogh, 1889,
Autoritratto di Vincent Van Gogh, 1889, olio su tela, 60 x 49 cm., Courtauld Gallery, Londra

Differenza tra Impressionismo e Post-Impressionismo

Neoimpressionismo: Il periodo post-impressionistico vede il mondo dell’arte aperto a grandi cambiamenti … altro …

I periodi di Pont-Aven e dei Nabis: Maurice Denis (1870-1947) afferma che, «ciò che Manet era stato per la generazione del 1870, lo fu Gauguin per quella del 1890» … altro …

Simbolismo: Il Simbolismo è una corrente artistica che ha origine in Francia nell’Ottocento verso la fine degli anni Ottanta … altro …

L’esotismo di Rousseau

L’arte come “Impegno sociale” ed il Divisionismo

Klimt - il bacio
Il bacio. Anno 1907-1908, olio su tela, 180 × 180 cm., Österreichische

Il linguaggio artistico di Klimt

Il linguaggio di Munch

Fauvisti, Die Brücke e AstrattismoEspressionismoDie BrückeBlaue ReiterFine dell’Espressionismo

Esponenti autonomi dell’EspressionismoLa grafica a stampa dell’Espressionismo

Le radici dell’arte modernaArte moderna: la nascitaL’arte moderna nel Tardo OttocentoL’arte moderna nella prima metà del ventesimo secoloArte modernaArte moderna del dopoguerraArte moderna e contemporanea (frammenti)Arte moderna e contemporanea (frammenti)

Pittori contemporanei

Frammentiarte, la sintesi della storia dell’arte – note d’arte

Le note d’arte e tutto il materiale fotografico raccolto, sono presenti nelle pagine solo per motivi didattici

Stebuson


Storia dell’arte: dalla Preistoria al Romanico

 

Periodi nella storia dell’Arte: Dall’arte della preistoria all’arte Romanica

Arte del periodo avanti Cristo

Arte della preistoria, arte rupestre, vascolare e mobiliare

Cavallo, 15000-10000 a.C. nella caverna di Lascaux in Francia
Cavallo, 15000-10000 a.C. nella caverna di Lascaux in Francia

Arte della preistoria: Per arte della preistoria si intende l’espressione artistica di un lunghissimo periodo, della durata di circa un milione di anni, e terminato con la scoperta della scrittura ……

Arte rupestre: Molte sono le caratteristiche da prendere in considerazione nell’arte rupestre: le rappresentazioni delle figure umane

Arte vascolare: Le figure non erano legate a significati simbolici, ma avevano lo scopo di far spostare l’attenzione …….

Arte mobiliare: Dell’arte mobiliare si sa che nasce nel lontanissimo Paleolitico inferiore …….

Arte degli antichi regni

La valle dei re
La valle dei re

Arte degli antichi regni: Dagli inizi del terzo millennio a.C., le popolazioni, soprattutto quelle di coltivatori sparse nelle vicinanze dei fiumi Nilo,Tigri, Eufrate, intorno al Mar Caspio e …………

La Valle dei Re pag. 1: La scelta di questo posto per la sepoltura ebbe origine da più motivi. Tra i principali c’è la credenza religiosa … La Valle dei re pag. 2: Biban el-Harim o Biban el-Sultanat ovvero, in italiano, la “Valle delle Regine si trova alle spalle di Medinet-Habu , a su-ovest della Valle dei Re ….

Arte dell’antico Egitto: Dalle  mastabe arrivano ai nostri giorni le opere più belle, importanti e significative di tutto l’Antico Regno

Periodo aureo tebano: La città di Tebe diventa quindi la meravigliosa ed affascinante capitale del Nuovo Regno formatosi sulle ceneri del precedente

Arte delle civiltà orientali ed elleniche

Stendardo di Ur: faccia della guerra
Stendardo di Ur: faccia della guerra

Arte dei Sumeri: Le origini e la provenienza del popolo dei Sumeri sono ancora del tutto sconosciute. Sappiamo ….. continua …

La cultura di AkkadArte di Babilonia e AssurArte siriana e palestineseArte iranicaArte anatolica

Arte dell’antico oriente (indo)Cultura artistica cineseArte dell’antico EgeoEventi di rilievo dal 3000 a.C.

tomba del tuffatore
tomba del tuffatore

Civiltà elleniche e italiche

Arcaico, Liberazione e Stile Severo

Periodo FidiaStile Bello nelle città elleniche

150 anni di pittura classica greca: 480 – 330

Arte italica e dell’antica Roma

Pittore di Amico: Particolare dell’idria con la scena del suicidio di Canace (Museo Provinciale di Bari)
Pittore di Amico: Particolare dell’idria con la scena del suicidio di Canace (Museo Provinciale di Bari)

L’arte classica italica 1 – Arte classica Italica 2 –  Arte classica italica 3

Arte classica italica 4Arte classica italica 5Arte classica italica 6 – Arte cl. italica 7

Età classica e la scultura di PrassiteleBarocco EllenisticoL’entrata in gioco di RomaArte Italica (frammenti)

Arte EtruscaPittura di Roma

Rilievo con Augusto, i componenti la sua famiglia, littori e sacerdoti. Ara Pacis
Rilievo con Augusto, i componenti la sua famiglia, littori e sacerdoti. Ara Pacis

Roma, dai re alla RepubblicaEventi di rilievo dal 1000 a.C.

Roma imperiale 1 – Roma imperiale 2Arte di Roma: Claudi, Flavi, Traiano, Adriano, Aurelio

Arte di Roma: da Commodo a GordianoArte di Roma: da Gallieno a Costantino

Riassunto schematico eventi di rilievo di Roma Imperiale

Arte del periodo dopo Cristo

Arte cristiana, pittura del medioevo, pittura romanica

Galleria con Loculi (Cimitero di Panfilo, Roma)
Galleria con Loculi (Cimitero di Panfilo, Roma)

Arte Cristiana: frammenti – Catacombe

Pittura di Roma (fino al secolo VI)Pittura di Ravenna fino al secolo VI)

Pittura di Ravenna ed altre zone fino al secolo VI)L’Impero CristianoIl popolo cristiano nell’Impero

Il Cristianesimo nell’ImperoL’arte bizantina

L’arte bizantina in Italia – Pittura dell’alto Medioevo a Roma

Duomo di Modena
Duomo di Modena

Pittura alto Medioevo fuori RomaL’arte bizantina nell’area greca e slavaArte Carolingia

Arte Romanica 1 Pag. 2  Pag. 3  Pag. 4  Pag. 5  Pag. 6  Pag. 7 Pag. 8  Pag. 9  Pag. 10  Pag. 11  Pag. 12 

Frammentiarte, i frammenti di storia dell’arte – riassunti d’arte

I riassunti d’arte e tutto il materiale fotografico raccolto, sono presenti nelle pagine solo per motivi didattici


Elenco musei italiani

Elenco musei , collezioni, gallerie e luoghi d’Arte di alcune città d’Italia

In queste pagine abbiamo inserito i principali musei italiani.

Le città prese in considerazione ed indicate nel presente elenco sono quelle con i musei più famosi.

Le città

Musei di Ancona, musei di Aosta, Musei di Bari, musei di Bologna, Cagliari, Campobasso, Catanzaro, musei e gallerie di Firenze, Genova, l’Aquila, musei e gallerie di Milano, Napoli, Palermo, Perugia, Potenza, Reggio Calabria, musei e gallerie di Roma e città del Vaticano, di Siena, Torino, Trento, Trieste, Venezia.

Frammentiarte, il succo della storia dell’arte


Movimenti e linguaggi artistici nella storia dell’arte dalla M alla O

Ogni frammento riassume il Movimento artistico (i vari link portano agli approfondimenti)

Macchiaiolo

Giovanni Fattori: Gotine rosse
Giovanni Fattori: Gotine rosse

Quello dei macchiaioli, è uno dei movimenti più importanti e significativi nella storia dell’arte di tutto il secolo ottocentesco. Ha origine nel cuore di un influente città d’arte come Firenze, al Caffè Michelangelo.

Come per l’Impressionismo, questo movimento, non può essere riassunto schematicamente in questo spazio. Le caratteristiche principali sono: il pigmento steso a piccole macchie e la raffigurazione dal vero, caratteristiche che appartengono anche all’Impressionismo. Si consiglia di cliccare sui link di entrambi i movimenti per una descrizione più approfondita. Un nome …. Giovanni Fattori(Per saperne di più si veda i Macchiaioli).

Manierismo

Pontormo: un riquadro della decorazione della Cappella Cappon
Pontormo: un riquadro della decorazione della Cappella Capponi della chiesa di Santa Felicita a Firenze

Corrente pittorica che copre una buona parte del XVI secolo, nata dalla necessità degli artisti di superare i limiti dell’eleganza, dell’armonia, dell’ordine e quindi, della perfezione.

Tali caratteristiche hanno caratterizzato il grande Rinascimento, orientandolo alla “maniera”, uno stile elegante, armonico e sicuro.

Il Manierismo ha origine intorno al 1525 e termina, più o meno, dopo  un cinquantennio. (Per saperne di più si veda la pagina dedicata al Manierismo).

Metafisica

La pittura metafisica nasce intorno al 1919, e, il suo fondatore e principale precursore è Giorgio de Chirico. Questi rifiuta nettamente tutti i linguaggi delle nuove avanguardie valutandoli uguali a “zero”.

Le opere metafisiche sono cariche di nuovi e complicati significati, con l’impiego di iconografie architettoniche, nelle quali appaiono vaste piazze e manichini. (Per saperne di più si veda pittura Metafisica).

Minimalismo

La caratteristica fondamentale dell’Arte minimalista è ridurre al minimo la realtà. Il minimalismo, infatti, è un’arte astratta allo stato puro, di solito anonima, oggettiva e ripulita da ogni carattere decorativo che l’accompagni.

Il messaggio che vuole fornire l’opera minimalista ha la forza di sollecitare, nel fruitore dell’opera, forti stati emozionali. (Per saperne di più si veda la pagina del Minimalismo).

Mobiliare (Arte mobiliare)

Il periodo dell’arte mobiliare abbraccia tutti e tre i paleolitici – inferiore medio e superiore – cioè dai 700000 ai 10000 anni a. C.

La materia prima è l’osso che viene inciso con linee, talvolta parallele o incrociate tra loro e talvolta a zigzag, in maniera grossolana ed assai rozza, usando arnesi come denti di animale, pietre lavorate e tutto ciò che si trova in natura con capacità di scalfire. (Per saperne di più si veda l’‘Arte Mobiliare).

Modernismo

Il modernismo viene caratterizzato da una linea sinuosa che richiama chiaramente l’arabesco, aperto all’esotismo e vincolato allo stesso tempo alle tradizioni regionali.

Modernismo italiano

L’influenza delle nuove rivoluzionarie tecniche pittoriche, agli inizi del XX secolo, investe anche l’Italia, ma viene sentita con un po’ di ritardo rispetto alle altre nazioni.

Il Modernismo in Italia, perciò, è limitato a pochissime categorie artistiche, per gli ornamenti e le decorazioni, disegnatori, ceramisti e mobilieri. (Per saperne di più si veda la pagina che tratta il Modernismo).

Moderno Rinascimentale

L’inizio del rinnovamento dell’Arte ed in modo particolare del nuovo linguaggio pittorico, si identifica nel realistico contributo che Giotto e Cimabue danno alla futura pittura. Grazie al loro apporto, dal Masaccio al Perugino, sarà più facile una fruttuosa ricerca che porterà al perfezionamento pittorico, in concorrenza con la natura stessa. (Per saperne di più si veda la pagina del Moderno Rinascimentale).

Nabis

Van Gogh: Il ponte di Langlois
Van Gogh: Il ponte di Langlois con la strada che costeggia il canale

Con i Nabis nasce un nuovo modo di dipingere, un inedito atteggiamento nei confronti della natura, che non viene più raffigurata facendo riferimento al reale ma alla memoria, perciò limitata all’essenza dell’idea.

La nuova ricerca sulla valenza espressiva della modulazione coloristica, non si basa più sulla mimesi della visione naturale e si caratterizza del resto con pratiche più radicali: in quegli anni anche Van Gogh, in piena autonomia, fa uso del colore puro. (Per saperne di più si veda i Nabis).

Naif (Pittori Naïf)

Il pittore naïf (dal francese il termine naïf significa “ingenuo”) è un artista che non ha frequentato nessuna scuola d’arte, né tantomeno accademie.

Il quadro naïf è perciò caratterizzato principalmente dalla semplicità delle forme e dall’assenza di quegli elementi che generalmente siamo abituati a vedere nei comuni dipinti. (Per saperne di più si veda I Pittori Naïf).

Naturalismo

Il Naturalismo è un atteggiamento artistico che si distingue per la realistica raffigurazione delle tematiche, umane e non.

Tale atteggiamento lo incontriamo spesso nel corso della Storia dell’arte (si pensi addirittura alla scultura egizia ai tempi della V dinastia, o all’arte Flavia [G. Becatti in “L’arte dell’Età classica”]). (Per saperne di più si veda il Naturalismo).

I Nazareni

I nazareni riesaminano il linguaggio pittorico dell’arte antica a tematica sacra, con una essenzialità cromatica e di tratti, che trova il suo schema di base in Beato Angelico, in Raffaello Sanzio (prima maniera) ed in altri maestri nord-europei come Dürer e Van Eyck.

Il linguaggio artistico viene considerato una missione divina e viene portato al livello di verità e di fede. (Per saperne di più si veda Nazareni).

Neoastrattismo (Nuovo astrattismo)

Appena terminata la seconda guerra mondiale, si assiste ad un indeciso cambiamento di direzione, diramato in due ben distinti filoni: da una parte lo stile che ricalca il figurativo classicheggiante alla maniera ottocentesca, dall’altra il ritorno all’astratto, partorito, in più riprese, dalle avanguardie di inizio Novecento.

Questi due linguaggi pittorici, pur essendo uno agli antipodi dell’altro, hanno un punto in comune molto importante: che l’espressione dell’arte non si scosti dai nuovi problemi dell’Italia. (Per saperne di più si veda il Neoastrattismo (Nuovo Astrattismo).

Neoclassicismo

Andrea Appiani: Apoteosi di Napoleone
Andrea Appiani: Apoteosi di Napoleone

Il neoclassicismo ha origine  Germania dai concetti di uomini di pensiero di quella nazione. Subito dopo le prime espressioni e manifestazioni si espande, stimolato dagli scavi archeologici in Francia, Inghilterra e nei territori napoletani. Si diffonde con esplosione, avendo ripercussioni in tutta l’Europa.

Nel “Nuovo Mondo” c’è un forte ripensamento che lo riporta all’amore dell’antico: il neoclassicismo si esprimerà nella scultura, nella pittura e nell’architettura.

Il termine “neoclassicismo” delinea un ben definito movimento di gusto europeo, così da dar vita ad un caratteristico linguaggio, con una propria connotazione. (Per saperne di più si veda Neoclassicismo).

Neogotico

L’interesse allo stile Gotico ritorna nel periodo fine Settecento – inizio Ottocento.

Tutto ciò che deriva dalla rovina e dal disfacimento, diventa una testimonianza dei tempi che ormai sono perduti. Tutto quello che è “pittoresco” deve contribuire a far riapparire lo stile Gotico per via dello stesso principio, in base al quale la manifestazione artistica, non va a raffigurare l’eleganza classica ma deve stimolare emozioni e sentimenti per la sua vigorosa energia. (Per saperne di più si veda la pagina dedicata al Neogotico).

Neo-Impressionismo

Seurat: il porto di Porto en Bessin in alta marea
Seurat: il porto di Porto en Bessin in alta marea

I Neo-Impressionisti sostituiscono la soggettività emotiva della visione con l’oggettività scientifica delle leggi sull’ottica, per cui la fusione delle gamme cromatiche avviene nella retina dell’osservatore creando effetti di efficace luminosità coloristica.

I precursori di questo stile (Pointillisme) sono Seurat e Signac(Per saperne di più si veda Neo-Impressionismo).

Neoplasticismo

Nasce intorno al 1917, non appena termina la prima fase delle avanguardie.

Il Neoplasticismo, può essere considerato quel movimento che spiana le strade alle nuove correnti artistiche, dopo la grande guerra (1914.18): Purismo, Costruttivismo, Tardo-Espressionismo.

Il linguaggio è molto chiaro ed ha un marcato rigore razionale, con una commistione di valori mistici e anche, talvolta, irrazionali nelle pitture del nord Europa. In questo periodo, Mondrian rivendica all’arte il ruolo di mettere in contatto l’uomo con la vibrazione universale. (Per saperne di più si veda Neoplasticismo).

New Dada

Marcel Duchamp: Fountain
Marcel Duchamp: Fountain

Agli inizi degli anni 60, si assiste in America ad un cambio di rotta negli interessi artistici.

Per quasi tutto il decennio precedente, era valorizzata la “Dripping art” “l’action painting”, ovvero la gestualità del pittore ed il suo diretto rapporto con il quadro da dipingere.

Nel periodo che segue, invece, c’è un certo distaccamento dal mondo interiore dell’artista, per concentrarsi a tutto campo nella realtà oggettuale. Riappare il Dadaismo sotto nuove spoglie ed una grande attenzione al suo “ready made” cioè all’oggetto per la sua vera consistenza.

Uno dei più importanti esponenti del New Dada è Robert Rauschenberg. (Per saperne di più si veda New Dada).

Nouveau Realisme

Come in America si sta diffondendo il linguaggio New Dada, così in Europa va prendendo forza il suo corrispettivo movimento artistico nominato Nouveau Realisme, rappresentato da esponenti come come Cèsar, Arman, Daniel Spoerri, Mimmo Rotella, Tinguely.

Gli artisti appartenenti al movimento amano intensamente introdurre nelle loro tele, oggetti vecchi e logori, oggetti scartati come lattine  e scatole di metallo per alimenti, ritagli di vestiti, piatti in frantumi e tutto ciò che vediamo nella vita di ogni giorno. Questo accade nei primi anni Sessanta. (Per saperne di più si veda Nouveau Realisme).

Novecento Italiano (Nascita)

Umberto Boccioni: Elasticità
Umberto Boccioni: Elasticità

Come nasce il Novecento Italiano? Nel 1922  Lino Pesaro, un mercante  d’arte di grandissimo talento, ed un critico molto influente  come Margherita Sarfatti, fanno un’ambiziosa proposta a sette pittori di talento che vivono a Milano e provincia, un sodalizio.  I pittori sono: Achille Funi, Leonardo Dudreville, Gian Emilio Malerba, Ubaldo Oppi, Anselmo Bucci, Pietro Marussing e Mario Sironi. Il programma è grandioso: deve porsi  in contrapposizione con gli ultimi movimenti dell’avanguardia futurista e, senza un linguaggio ben definito,  deve ritornare alle tradizioni italiane, soprattutto quelle lombarde, abbracciando il naturalismo non descrittivo e non impressionista. Gli artisti otterranno un grandissimo consenso alla Biennale di Venezia del 1924, quindi decideranno di estendere il sodalizio a tutti i migliori pittori delle nuove generazioni. Nascerà il Novecento Italiano che in brevissimo tempo varcherà i confini nazionali, spingendosi fino a Buenos Aires. (Per saperne di più si veda la Nascita del Novecento italiano).

Nuovo realismo

Dopo il conflitto mondiale, nel 1946 nasce il manifesto del Realismo, “Oltre Guernica”, cui farà seguito, nell’anno successivo, l’istituzione di “Fronte Nuovo  delle Arti” nella città lagunare, dove Pablo Picasso espone (per l’appunto) la sua Guernica, realizzata nel 1937. Questa sarà considerata dal gruppo, come punto di riferimento basilare e testimonianza di impegno civile.

Il movimento però risulta essere composto da esponenti alquanto eterogenei: da una parte Renato Guttuso e Armando Pizzinato che sentono molto il realismo, dall’altra pittori come Renato Birolli, Ennio Morlotti, Giuseppe Santomaso ed Emilio Vedova che prediligono un linguaggio astratto pur rimanendo, tuttavia, impegnati nella risoluzione delle nuove problematiche reali del Paese. (Per saperne di più si veda la pagina dedicata al Nuovo Realismo).

Optical Art (Op Art)

La caratteristica di questo linguaggio consiste nella raffigurazione dell’opera, con effetti ottici suggestivi e coinvolgenti, capaci di creare un vivo movimento a forme statiche, dare tridimensionalità a forme poco significative, e, produrre una trasfigurazione illusoria agli oggetti in essa inseriti. Il tutto sfruttando anche la collaborazione del fruitore dell’opera, che si presta ai consigli dell’autore sulle modalità di osservazione. (Per saperne di più si veda Optical art (Op Art).

Orientalizzante (Arte)

Nasce a Corinto nel periodo dedalico ed ha una durata di circa un secolo (730-640 a.C): le figure sono nere su un fondo d’argilla che prevalentemente si avvicinava ai toni rossi.

Queste hanno sempre i contorni marcati e sono integrate, nei loro particolari, con linee graffite che espongono la colorazione viva della ceramica.

Immancabili sono le sovrapposizioni di pittura in rosso purpureo ed in bianco.

Le tematiche sono sempre gli animali. (Per saperne di più si veda Arte orientalizzante).

Ai movimenti dalla A alla LAi movimenti dalla P alla Z


Movimenti artistici e periodi pittorici dalla P alla Z

(Tutti i frammenti riassumono i Movimenti artistici, mentre i vari link portano agli approfondimenti.

Pointillisme (Puntinismo)

Paul Signac: Notre dame de la Garde Marseilles
Paul Signac: Notre dame de la Garde Marseilles

Come nella tecnica della pittura impressionista, i pigmenti presi dalla tavolozza vengono riportati sul sul supporto pittorico in giusto-accostamento, con la differenza che le macchioline stese diventano, in questo caso, puntini di colore puro, trasformando l’emozione soggettiva in emozione ottica.

Signac arriverà ad affermare un’esaltazione mistica della visione, che aprirà la strada a rappresentazioni in chiave simbolista. (Per saperne di più andare alla pagina del Pointillisme – Puntinismo, vedere anche Divisionismo).

Pompier

L’artista “Pompier”  ha una tecnica impeccabile, raffigura in maniera ben definita i soggetti, rifinisce con pazienza certosina tutti i motivi accessori necessari e “non”.

Il Pompier vede l’opera come fondamento di elezione morale, perché richiede attenzione e correttezza, molto lavoro, ed anche il dovere nei confronti delle pubbliche committenze. Le tele, infatti, perfettamente rifinite con aree che sembrano spazzolate e senza il minimo avvallamento o rilievi di pittura, vengono abbinate inconsapevolmente a cose proibitive e sono realizzate in tempi esageratamente lunghi. (Per saperne di più andare alla pagina degli artisti Pompier).

Post-Impressionismo

Cezanne: Natura morta con bicchiere, tazza e mele
Cezanne: Natura morta con bicchiere, tazza e mele

Il Post-Impressionismo non è un movimento ma un importante periodo (1880 – 1905) della pittura dove avvengono significativi cambiamenti, che apriranno la strada alle più disparate tendenze del nuovo secolo. È questo il periodo in cui nasce il Simbolismo, il Pointillinsme e, che Cézanne, non riconoscendosi impressionista, studia un tipo di pittura atto a liberare i suoi paesaggi e tutto il loro contenuto dagli attimi transitori, infondendo plasticità e nuova classicità. (Per saperne di più andare alla pagina del Post-Impressionismo).

Pop art

Pop art: Terminata l’influenza americana dell”Action paint – Dripping art che caratterizza gli anni Sessanta, si incomincia a profilare la nuova tendenza artistica. Nasce la pop art, che non ha come obiettivo il rapporto emozionale dei precedenti movimenti, ma quello con la neutralità e la naturalezza degli oggetti di uso quotidiano. Oggetti insignificanti vengono perciò raffigurati con enfasi, sia nelle dimensioni che con l’aiuto delle gamme cromatiche: mollette per la stendere al sole i panni, cazzuole, tubetti di dentifricio, diventano sculture monumentali. (Per saperne di più andare alla pagina della Pop art).

Pittura di genere

La pittura di genere non è altro che la rappresentazione delle scene di vita comune, avente come  soggetto episodi ed eventi quotidiani. Vi appartengono, ad esempio, faccende domestiche e vita lavorativa, brulichii dei mercati, i piaceri della vita all’aria aperta, gente in preghiera, piccole e grandi feste in ambienti interni o all’esterno, ecc.   (si veda anche “Bamboccianti” in questi elenchi). (Per saperne di più andare alla pagina della Pittura di Genere).

Poesia visiva

Non importa il contenuto, non importa la forma letteraria, non importa la forza poetica.

La poesia visiva è soltanto composizione delle masse. Queste sono intese come masse di parole scritte che contribuiscono alla campitura dell’opera. Ecco un esempio:

senza senso senza senso senza senso
senza senso senza senso senza senso
senza senso                      senza senso
senza senso senza senso senza senso
senza senso senza senso senza senso

Effettivamente senza senso!!! (affermazione che deriva, comunque, da una mia personale visione!). (Per saperne di più andare alla pagina della Poesia visiva).

Post Modernismo

Questo linguaggio artistico è prevalentemente contrassegnato da sconfinamento, ironia, eclettismo  e collages. I linguaggi che si avvicinano al postmoderno sono la pop art, il magico realismo (quello della letteratura), il decostruttivismo nel campo dell’architettura, il neoromanticismo ed anche il massimalismo. (Per saperne di più andare alla pagina del Post Modernismo).

Preraffaelliti

William Holman Hunt: Capro espiatorio.
William Holman Hunt: Capro espiatorio.

Preraffaelliti – Il propulsore principale del movimento artistico è il critico d’arte e scrittore John Ruskin. Più che considerare lo stile artistico, egli mira a suscitare nelle menti del gruppo, una base apostolica e un forte impulso sociale, per cui l’arte ha l’assoluta responsabilità della redenzione ed è connessa alle aspirazioni umane.

In netto contrasto con le opere dell’attuale linguaggio della pittura, l’arte si rifà alle tecniche dei tempi di Raffaello Sanzio. (Per saperne di più andare alla pagina dei Preraffaelliti).

Primitivismo

Anche una nazione come la Russia, viene contagiata dalle rivoluzioni dei linguaggi nei primi anni del Novecento.

Molti artisti, che dalla Russia si erano spostati in Europa, sviluppano le loro ricerche riversandole nel proprio Paese, con ulteriori perfezionamenti. Hanno origine così le prime avanguardie russe con diverse ben distinte formazioni artistiche: il Primitivismo, il Suprematismo, il Raggismo ed il Costruttivismo.

In questi movimenti c’è sempre un po’ di astrattismo, regole prospettiche ed anche rigore intellettuale.

Il Primitivismo viene fondato nel 1908 da Natalija Gončarova ed il marito Larinov. (Per saperne di più andare alla pagina del Primitivismo).

Purismo

Ottocento: Il Purismo prende ispirazione dal Medioevo, dal Primo Rinascimento ed è in stretta sintonia con il Romanticismo.

Il purismo e anche in sintonia con il Neoclassicismo, pur tuttavia contrasta con esso per gli atteggiamenti melodrammatici che i puristi conferiscono ai soggetti. (Per saperne di più andare alla pagina del Purismo).

Novecento: Il Purismo è originato dal Neoplasticismo e si ispira al neutro, all’economico ed al razionale. Il linguaggio artistico viene arricchito con la ricerca del funzionale, portando l’autore dell’opera, molto spesso, in un angoscioso stato d’animo. (Per saperne di più andare alla pagina del

Raggismo

Il Raggismo – considerato come il primo movimento d’origine russa non indirizzato all’arte figurativa – aveva come fine l’integrazione delle istanze futuriste con quelle del movimento neoprimitivista. La nuova pittura acquisiva più forza nella rappresentazione della luce e dei suoi effetti nel conglobamento dello spettro cromatico, nella diffusione, rifrazione e diffrazione dei raggi luminosi sui vari oggetti. (Per saperne di più andare alla pagina del Raggismo).

Realismi del Novecento

In questo linguaggio artistico le figure sono nitide e ben modellate, con ben definite evidenze plastiche. (Per saperne di più andare alla pagina dei Realismi del Novecento).

Realismo ottocentesco

Tramonto sul lago Leman (1874)
Gustave Courbet: Tramonto sul lago Leman (1874)

Ai primi cenni di smarrimento del movimento romantico, prende vigore, nelle arti visive, un nuovo e penetrante modo di vedere e sentire il mondo reale. Viene infatti recepito nei rapporti con la collettività, nel paesaggio naturale, nei caratteri personali ed in quelli che contraddistinguono una comunità, in quelli di un’intera nazione.

Si genera in questo modo, una nuova forma realistica, che prende aspetti differenti a seconda delle tradizioni del Paese nel quale si trasmette.

Inteso soprattutto come un movimento che ha fatto la storia dell’arte, il realismo, è un importante evento che interessa l’intera Europa. (Per saperne di più andare alla pagina del Realismo ottocentesco).

Rinascimento

Raffaello Sanzio: Sposalizio della Vergine
Raffaello Sanzio: Sposalizio della Vergine

Questo meraviglioso periodo della storia dell’arte non può assolutamente essere sintetizzato in questa ristretta tabella. Infatti, qualsiasi cosa si scriva sul Rinascimento in maniera riassuntiva e schematica, risulterebbe suscettibile di inesattezze ed ambiguità.

Possiamo soltanto dire che nel Rinascimento c’è: un coerente controllo, sia nello spazio che nella raffigurazione, c’è la conquista di una centralità della figura umana fino a raggiungere l’ideale laico, c’è la raffigurazione della realtà in modo obiettivo, anche se molto spesso viene alquanto idealizzata. A questo si aggiungono le rinnovate tecniche, l’uso della prospettiva regolata da schemi matematici, l’aiuto dei letterati nel recupero delle antiche tradizioni classiche, ancorché un nuovo atteggiamento verso la scienza, un nuovo modo di vedere e sentire l’universo e la storia, ma …… non basta ….. si consiglia di cliccare sulla voce. (Per saperne molto di più su questo periodo andare alla pagina del Rinascimento).

Rococò

In questo stile, la ragione conquista la massima credibilità ed il sentimento diviene un puro svago, l’espressione di un linguaggio universale che si fa conoscere da Londra a Parigi, da Vienna a Madrid,  da Praga a Venezia, in tutto il continente europeo.

Il Rococò si manifesta in forme assai eleganti, apprensive e al tempo stesso sorridenti, con caratteristiche di gusto contenenti un complesso di sensazioni – talvolta anche contrastanti tra loro, come la tenerezza, squisitezza e impassibilità.

Il Rococò appartiene al Settecento ….. il secolo dei grandi movimenti! (Per saperne di più andare alla pagina del Rococò).

Romanico

L’arte romanica appartiene alle forme artistiche esistenti in Europa tra la metà del XI e la metà del XII secolo, subendo notevoli variazioni tra una zona e l’altra.

A cavallo dei due secoli, questo nuovo linguaggio, divenuto quasi unitario, è oggetto di un processo disgregativo e di rimozione nei suoi contenuti, con periodi ed aspetti caratteristici, dipendenti dalle varie tradizioni.

Nel campo dell’architettura, l’arte romanica nasce in dipendenza diretta con l’ambiente naturale. (Per saperne di più andare alla pagina del Romanico).

Romanticismo

Delacroix: Il massacro di Scio
Delacroix: Il massacro di Scio

Come per l’Impressionismo ed il Rinascimento, neanche il Romanticismo non può essere  descritto sommariamente per non incorrere in inesattezze ed ambiguità.

Non si tratta di un vero e proprio linguaggio, di uno stile od una maniera, ma di un movimento molto articolato, con un forte interesse per il gusto e una nuova forma di percettibilità. Tale percettibilità viene sensibilizzata sull’alto valore della patria, mentre l’importanza della tradizione medievale, i vari livelli imperscrutabili dell’animo umano, l’egocentrismo, i conflitti interiori irrimediabili si compongono in una poetica che produce, nell’arte, schemi sempre più difformi. (Per saperne di più andare alla pagina del Romanticismo).

Rupestre

L’ arte rupestre appartiene al paleolitico superiore. Varie sono le caratteristiche da considerare nell’arte rupestre: le raffigurazioni delle figure umane sono sempre generalizzate, semplici vedute paesaggistiche, vedute agresti arricchite da ogni tipo di vegetazione. (Per saperne di più andare alla pagina dell’Arte Rupestre).

Scapigliatura

La Scapigliatura (dal termine francese “bohème” = vita da zingari) fu un movimento artistico-letterario nato nelle regioni settentrionali italiane intorno al 1850-60.

La Scapigliatura ebbe Milano come epicentro e si sviluppò in breve tempo in tutta la nostra penisola. (Per saperne di più andare alla pagina della Scapigliatura).

Secessionismo nell’arte

Nel mondo dell’arte il termine secessione indica un proponimento artistico-culturale apparso intorno alla fine dell’Ottocento in varie parti d’Europa, soprattutto in Germania ed in Austria.

Tale periodo coincideva con il rifiuto di alcuni giovani artisti dei canoni accademici dell’arte e dal conseguente distacco degli stessi dai circuiti espositivi tradizionali, per protestare contro l’eccessivo conservatorismo del periodo. (Per saperne di più andare alla pagina del Secessionismo nell’arte).

Scuola Romana (espressionista)

La Scuola romana rinnega il Novecentismo e favorisce il linguaggio espressionista. Viene fondata a Roma e i suoi esponenti sono Gino Bonichi, la moglie Antonietta Raphael e Mario Mafai, tutti e tre con esperienze di avanguardie, maturate in Francia negli ambienti degli ebrei russi, da Chagall a Soutine. La scuola romana si scioglie quando muore Gino Binocchi detto Scipione, intorno al 1933-34. (Per saperne di più andare alla pagina della Scuola Romana (espressionista).

Simbolismo

Emil Bernard: Scena medioevale
Emil Bernard: Scena medioevale, 1892, cm. olio su tela 63 x 93, Galleria del Levante, Monaco

Il Simbolismo è una corrente artistico-letteraria, che nasce e si sviluppa in Francia negli ultimi decenni dell’Ottocento.

Gli esponenti e seguaci del Simbolismo, in opposizione alla corrente realista, cercano di esprimere idee, atteggiamenti ed emozioni, usando immagini e parole, cariche di significato simbolico. (Per saperne di più andare alla pagina del Simbolismo).

Systemic Painting

Systemic Painting è il nome dato ad una manifestazione pittorica, organizzata nel 1966, al Museo Guggenheim di New York, relativa ad una corrente artistica con linguaggio astratto. Un linguaggio che, però, rifiuta l’esasperazione gestuale dell’astrattismo di Pollock.

I pittori che partecipano alla manifestazione sono: Agnes Martin, Frank Stella, Robert Ryman ed Ellsworth Kelly. Invitati anche due pittori legati al puro espressionismo astratto, Ad Reinhardt e Barnett Newman. (Per saperne di più andare alla pagina del Systemic Painting).

Spazialismo

Questo movimento tende a ricercare una forma di espressione che consenta di uscire dai legami degli strumenti che la tradizione ci mette a disposizione. Oltre a questo, vuole sorpassare i ristretti spazi dell’astrazione geometrica e del nuovo Realismo. (Per saperne di più andare alla pagina dello Spazialismo).

Suprematismo

Gli artisti aderenti al movimento aspiravano ad un’arte finalmente affrancata dalla pura rappresentazione del reale a fini pratici ed estetici, rifiutandosi di ubbidire a quella sensibilità verso il plasticismo presente in ogni essere umano.

Ricercavano quindi una pittura il cui fine sfociasse con la sola essenza dell’arte: un’arte che doveva essere “fine a se stessa”. (Per saperne di più andare alla pagina del Suprematismo).

Surrealismo

Il Surrealismo è un movimento tipicamente intellettuale che raggruppa dentro di se, oltre alle arti visive, la letteratura ed il cinema.

Il surrealismo ha origine a Parigi  verso gli anni Venti e, la sua caratteristica più evidente, risulta essere la violenta critica a tutto ciò che è razionalità e pianificazione

Il linguaggio del movimento surrealista vuole arrivare ad uno stato conoscitivo che va al di là della realtà, e lo raggiunge concedendo libero e sfrenato sfogo alla creativa dell’inconscio.

Una raffigurazione pittorica  con caratteristico linguaggio surreale, è certamente più onirica di altri tipi di manifestazioni artistiche, perché concede, all’osservatore dell’opera, la chiave d’accesso per un mondo che si trova al di là della realtà, oltre il mondo comunemente vissuto. (Per saperne di più andare alla pagina del Surrealismo).

Stile Severo

Nel campo della scultura, lo Stile Severo, tende ad una forma espressiva realistica ed ha origine nell’antica Atene ad opera di tre grandi esponenti della scultura: Nesiote, Crizio, ed Egia, mentre ad Argo, ad opera di Agelada.

Siamo intorno al 460 a. C. (Per saperne di più andare alla pagina dello Stile Severo).

Tachisme

Il termine tachisme deriva da tache, che significa “macchia di colore”, buttata sulla tela in modo del tutto casuale. (Per saperne di più andare alla pagina del Tachisme).

Transavanguardia

Il linguaggio di questo movimento è di grande libertà di espressione senza dover per forza accostarsi a precisi schemi culturali. Questa libertà permette di indirizzarsi verso più ed eventuali precedenti, senza nessun problema di coerenza formale, né tanto meno di contenuto.

Nel periodo che in Italia nasce Transavanguardia, in America si sviluppa il graffitismo urbano, che ha più o meno il medesimo linguaggio espressivo. (Per saperne di più andare alla pagina della Transavanguardia).

Valori plastici e Realismo magico

Nel 1925 Franz Roh definisce la tendenza al Realismo Magico come una versione del linguaggio espressionista, meno impegnata ideologicamente e permeata da una sfumatura poetica, atta ad attenuare la tipica crudezza del movimento a cui appartiene ed a conferire alla scena un’atmosfera immota e senza tempo. (Per saperne di più andare alla pagina dei Valori plastici e Realismo magico).

Vascolare

Quella che comunemente è chiamata Arte vascolare, è l’arte della creazione e decorazione del vaso, che appartiene al periodo Neolitico. (Per saperne di più andare alla pagina dell’Arte Vascolare).

Vedutismo

Canaletto: Campo S. Giacometto
Canaletto: Campo S. Giacometto

Il Vedutismo è esclusivamente riferito alla pittura ed è caratterizzato dalla raffigurazione di ampie vedute prospettiche paesaggistiche.

Nel vedutismo la prospettiva viene rispettata in modo assoluto e, i particolari – anche i meno importanti – sono definiti con molta cura.

Il Canaletto impiega un nuovo ritrovato – l’antenato della nostra camera oscura – per riportare sulla tela, in modo perfetto, le sue vedute. (Per saperne di più andare alla pagina del Vedutismo).

Visionari

William Blake: Beatrice
William Blake: Beatrice

Le figure, dipinte dai pittori visionari, vengono sfrondate fino al raggiungimento dell’immaterialità. Esse perdono di consistenza, sono poco definite, e nel contempo, sono prive di antropocentrismo tipico del linguaggio neoclassico.

Il bello e l’elegante non vengono più interpretati nella statica del corpo, ma con l’emergere di forze interne, che trasfigurano in modo, talvolta minaccioso, la materia, la quale può variare a seconda degli impulsi dello spirito. (Per saperne di più andare alla pagina dei Visionari).

ai movimenti dalla A alla L     ai movimenti dalla M alla O