Il Simbolismo nell’Arte della Pittura

Il Simbolismo nel mondo della Pittura

Pittori simbolisti A-M

Pittori simbolisti M-Z

Periodo Pont-Aven e i Nabis

Preraffaelliti

Il movimento simbolista

Moreau: Mosè bambino, 1878
Moreau: Mosè bambino, 1878

Il Simbolismo è una corrente artistica che ha origine in Francia nell’Ottocento, verso la fine degli anni Ottanta, in contrapposizione all’Impressionismo ed al Realismo: un nuovo linguaggio espressivo per manifestare emozioni, idee e comportamenti, con l’uso di parole nella poesia e di immagini nella pittura.

Nel campo pittorico, gli esponenti che più hanno caratterizzato il movimento simbolista sono Gustave Moreau, Olidon Redon e Pierre Puvis de Chavannes.

La massima espressività del Simbolismo si raggiunge con le opere di Gauguin.

Simbolisti si possono definire anche il gruppo dei Nabis ed il gruppo dei Preraffaelliti.

Edvard Munch: Disperazione
Edvard Munch: Disperazione
Simbolisti con un linguaggio espressivo un po’ più intenso possono essere considerati anche Munch e Van Gogh.

Questo movimento interpreta il mondo naturale come un complesso di simboli appartenenti ad una realtà completamente diversa da quella in cui viviamo quotidianamente, mentre l’universo è concepito come una struttura in cui tutti i componenti hanno una corrispondenza reciproca.

Il poeta e l’artista hanno il compito di intuirne le relazioni e scoprire i simboli, raffigurandoli nelle proprie opere.

Il termine “Simbolismo” stabilisce un preciso indirizzo artistico degli ultimi due decenni dell’Ottocento, nel quale si sostiene una visione della natura volta a cogliere la realtà interiore come qualcosa di profondo e suggestivo, tanto da dover essere evocata, più che descritta.

Olidon Redon: Angelica e Ruggero
Olidon Redon: Angelica e Ruggero

Evocazione ed assenza descrittiva sono le due caratteristiche principali di questo linguaggio espressivo, tali da mettere in allarme i realisti che considerano senza significato le opere partorite dal Simbolismo: vedono annientata l’idea della ricerca e del progresso e, compromesso l’integrale cambiamento dei procedimenti dell’arte. Altri canoni che caratterizzano il Simbolismo sono: la sintesi, l’idealismo, l’emotività, il soggettivismo ed il decorativismo.

Il Simbolismo ha nelle sue fondamenta le tendenze dell’arte romantica dei primi decenni dell’Ottocento e trova delle salde relazioni con identici indirizzi della letteratura, della poesia, della musica e della filosofia contemporanee, proponendosi in fattori di sintesi e di unione delle arti.

Benché il suo avvento ufficiale abbia una data ben precisa, 1886, anno nel quale Jean Moréas lancia in una pagina di “Le Figaro” il manifesto della poesia simbolista (ma indirizzato anche alla pittura), già molto tempo prima, diversi pittori ostentavano il bisogno di esprimere il mondo reale con un linguaggio che andava oltre la percezione visiva, concentrandosi soprattutto sulla spiritualità del contenuto, sulle analogie e sull’enigmaticità in esso presente.

Paul Serusier: Notre Dame de Portes, olio su tela
Paul Serusier: Notre Dame de Portes, olio su tela cm. 91 x 72, Musée des Beaux-Arts, Quimper.

“L’idealismo platonico” presuppone che la realtà sia formata dalla pura idea, e questo comporta che il pittore, in qualità di veggente, traduca i significati profondi e li riporti sulla tela in forme sensibili e comprensibili da tutti: l’artista dunque, deve  riuscire ad esprimersi oggettivando il soggettivo, andando cioè in netta controtendenza alla tradizione sin qui seguita, cioè quella di rendere soggettivo l’oggetto, come sostiene Gustave Kahn.

I primi a percepire corrispondenze tra colori, profumi e suoni sono i poeti e, nelle loro poesie alludono alle indecifrabili affinità fra la visione reale e l’invisibile. Ben presto verranno affiancati anche dagli scienziati, tra i quali Jean Martin Charcot e Eduard von Hartmann, che incominceranno ad interessarsi all’immaginario, studiando il sogno e riconoscendolo come mezzo di espressione, e soprattutto, come corrispondenza figurativa di quel fantasma poetico che si trova nel profondo dell’animo umano.

Pierre Puvis de Chavennes: il povero pescatore
Pierre Puvis de Chavennes: il povero pescatore

La diffusione del Simbolismo ha una portata enorme che invade, in breve tempo l’intera Europa, anche se con configurazioni tra loro ben differenziate. Gli elementi comuni che caratterizzano questo movimento sono la reazione al realismo, con il rifiuto più o meno completo della figurazione oggettiva (sentito in maniera diversa in alcuni Paesi) e la rinuncia alla rappresentazione di temi legati  al mondo attuale ed alla contingenza, con il fermo intento di dare sostanza al contenuto, riferendosi alla cultura poetica, al mito ed all’indagine dell’anima.

Gabriele Rossetti: Monna Vanna
Gabriele Rossetti: Monna Vanna

Un’anticipazione delle tematiche simboliste, come già detto sopra,  si può rintracciare nell’avventura, durante gli anni settanta, dei preraffaelliti riuniti intorno a Dante Gabriele Rossetti (Londra, maggio 1828 – Birchington, aprile 1882), ma è da attribuire soprattutto agli artisti francesi il ruolo predominante nel dibattito estetico, che si sviluppa intensamente attraverso le più importanti riviste e negli scritti di filosofi e letterati.




2 pensieri su “Il Simbolismo nell’Arte della Pittura”

  1. ottimo chiarimento sull’arte simbolista anche se nel testo è pesente un errore perchè si è scritto qyesto invece di questo ma a parte questo il testo è fatto molto bene ed è molto chiaro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *