Dell’Orto  Uberto

(Milano 6-1- 1848  /  27-11- 1895)

Pagine correlate: Pittori lombardi A – F – Pittori Lombardi G – Z

Dell’Orto  Uberto

Dell’Orto Uberto fu ingegnere prima di dedicarsi alla produttività pittorica che intraprese seguendo la scuola dei paesaggisti G. B. Lelli ed Eleuterio Pagliano.

     Per i dipinti dei suoi paesaggi aveva, come un po’ tutti i paesisti,  le sue località preferite che per lui furono i soggetti di alta montagna o le calme estive del lago di Como, e studiava con insistenza, a volte con vero tormento, sia i toni che i colori, le gradazioni delle vegetazioni, le luci e le trasparenze dei cieli e delle acque, come si ammira nel “Riva di Malgrate” (Milano, Proprietà Teresa Biffi Dell’Orto).

     Delle sue ricerche coloristiche sono rimasti molti studi e numerosi bozzetti tutti indirizzati nella ricerca delle più leggere gradazioni di tono,  dalla limpidezza delle luci alla trasparenza delle ombre dei grigi e dei giallastri dei pendii rocciosi, nonché, dei più fragili palpiti atmosferici.  

     Seppure incominciò, non proprio giovanissimo, a frequentare l’arte della pittura, l’artista vi si appassionò con eccezionale fervore.

     Sotto una certa influenza cremoniana e manzoniana  fu ottimo ritrattista, ma come già suaccennato, la sua inclinazione volse principalmente verso la pittura paesaggista, ed al pari di un  Carcano o di un  Filippini, raggiunse ottimi risultati con tele dalle grandi dimensioni.

     Fu premiato con una medaglia d’oro a Berlino nel 1891. Tra le sue opere maggiori,  da ricordare: “Alti pascoli” , “Maloja” (Milano, Accademia di Brera) e “Giogo del San Bernardino” (Ministero della Pubblica istruzione). 

Un’opera di Dell’Orto Uberto:

44 Umberto dell'Orto - Riva del Malgrate
Riva di Malgrate, anno 1885, cm. 51 x 95, proprietà privata, Milano.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *