Due citazioni di Mario Salmi su Architettura in Toscana

Due citazioni di Mario Salmi su Architettura in Toscana

Citazioni n° 5 e n° 6, da Mario Salmi (studioso di Storia dell’arte):

“L’Architettura romanica in Toscana” (Milano 1928, pagina 18), “I problemi dell’Architettura romanica in Toscana” (Roma 1955, pagina 215) e  “La scultura romanica in Toscana”, pagina 13 – F. 1928.

Pagine correlate:

precedente – successivaelenco citazioni

Pagina in cui sono indicate queste citazioni

Pagina iniziale: Gotico religioso in provincia di Grosseto

Il Gotico (pittura)

Chiese monumentali nel mondo

“L’Architettura romanica in Toscana” (Milano 1928, pagina 18): “…… Anche nella Toscana inferiore troviamo maestranze lombardo-lucchesi, piuttosto che pisane. II Duomo di Massa Marittima, ampliato poi e nella fronte compiuto da Giovanni Pisano, si deve ad abili costruttori e decoratori lucchesi.”.

 “I problemi dell’Architettura romanica in Toscana” (Roma 1955, pagina 215)

Le altre parti del monumento, si è già detto, sono trecentesche, e di stile gotico; esorbitano dunque dal campo della nostra indagine, e ci limitiamo a sottolineare come, dopo questa continuità romanica pisano-lucchese, appaia in queste zone un chiaro influsso di Giovanni Pisano; ma è ormai attraverso Siena piuttosto che attraverso Pisa, che tale gusto si irradia nella architettura, e difatti la tribuna del Duomo di Massa Marittima è nel ritmo lineare gotico dell’arte senese.”.

“La scultura romanica in Toscana”, pagina 13 – F. 1928.

“Nella Toscana meridionale, a Sovana…si conserva completo un ciborio in travertino, ospitato oggi nella chiesa di S. Maria, da confrontarsi, per la sua struttura ad archi ribassati col ciborio notissimo di Sant’Apollinare in Classe a Ravenna, del tempo dell’Are. Valerio (806-810). Esso ripete i soliti motivi ma meglio distribuiti – pausati da ornati a fune e ingentiliti nello spigolo dell’arco da perline e fuseruole con pavoni e colombe beccanti, fiori a ruota, viticci annodati, grappoli e foglie, avvicinandosi per gusto di disposizione ad un ciborio ritenuto del sec VIII nel museo di Perugia.

La riproduzione dei contenuti di questo sito web di Arte, anche eseguita soltanto in parte, è vietata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.