Storie di San Bonaventura per un collegio francescano a Siviglia di Francisco Zurbaran

Francisco Zurbarán: Storie di San Bonaventura per un collegio francescano a Siviglia

Francisco Zurbarán: Storie di San Bonaventura per un collegio francescano a Siviglia - Funerali di San Bonaventura
Storie di San Bonaventura per un collegio francescano a Siviglia – Funerali di San Bonaventura, 250 x 225, Parigi, Louvre

Sull’opera: “Storie di San Bonaventura per un collegio francescano a Siviglia” è un ciclo pittorico, formato da quattro dipinti, realizzato da Francisco Zurbarán con tecnica a olio su tela nel 1629, misura 250 x 225 cm. ed è custodito nel Museo del Louvre a Parigi. 

II contratto, datato 30-12-1627, stipulato da Francisco Herrera il Vecchio (Siviglia, 1576 circa – Madrid, 1656 circa) con il collegio di San Buenaventura prevedeva la realizzazione di sei dipinti da portare a termine in nove mesi, consentendo al pittore sivigliano di farsi aiutare da un collega.

Al contratto apportarono variazioni poiché Herrera realizzò soltanto le prime quattro composizioni. Le altre quattro le affidarono a Zurbarán, passando da sei a otto composizioni.

Gli otto dipinti, che in origine erano esposti in alto nelle pareti della navata (da un lato quelli di Herrera, dall’altro quelli di Zurbarán), andarono tutti dispersi (alcuni riapparsi) in seguito alle conseguenze dell’invasione francese e della secolarizzazione del collegio, quest’ultima avvenuta nel 1835.

Qui di seguito sono riportate le quattro opere realizzate da Zurbarán

Le opere

VISITA DI SAN TOMMASO D’AQUINO A SAN BONAVENTURA

Dimensioni 226 X 256 cm., anno 1629.

In basso a sinistra si legge: “Fco‘” DE ZURBARAN / FATA 1629″. Si trovava nei depositi dell’Alcázar nel 1810. Fu trasferito in Francia dal maresciallo Soult ed in seguito fu acquistato dal Kaiser Friedrich Museum di Berlino nel 1852. Andò distrutto nel 1945 a causa di un bombardamento.

SAN BONAVENTURA AL CONCILIO DI LI0NE

Parigi, Louvre, 239 X 222 cm., anno 1629.

Si trovava nei depositi dell’Alcázar nel 1810.  Il maresciallo Soult lo trasferì in Francia, dalla vendita cui vendita (1352) pervenne al Museo del Louvre.

SAN BONAVENTURA IN PREGHIERA

Dresda, Gemäldegalerie, 250 X 225 cm., 1629.

Elencato nei depositi dell’Alcázar, nel 1810, con il titolo di “Sant’Antonio con un angelo”. Ritornò alla sede di origine nel 1814, ove vi rimase fino al 1835, quindi (1833) pervenne al Louvre nella Galerie Espagnole, questa volta con il titolo di “San Francesco in meditazione”. Alla vendita dei beni di Luigi Filippo (1853) l’opera entrò dal museo di Dresda.

FUNERALI DI SAN BONAVENTURA

Parigi, Louvre, 250 X 225 cm., (raffigurato sopra), anno 1629. Si trovava nei depositi dell’Alcázar nel 1810. Apparve alla vendita Soult del 1852 e diventò proprietà dello stato nel 1858. Attualmente al Louvre.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.