"Altare di Dresda" di Albrecht Dürer

Albrecht Dürer: “L’adorazione del bambino”

Albrecht Dürer: Altare di Dresda
Altare di Dresda: “L’adorazione del Bambino”, cm. 105,5 x 96,5, Gemäldegalerie, Dresda.

Sull’opera: “Altare di Dresda” riguarda una serie di dipinti (tempera su tela) di Albrecht Dürer, realizzati intorno al 1496-97, di cui si riporta – in questa pagina – l’ “Adorazione del Bambino”, sicuramente autogrago. L’opera in esame misura 105,5 x 96 cm. ed è custodita a Dresda (Gemäldegalerie).

L’altare venne commissionato, insieme al “Polittico dei Sette Dolori” ed al proprio ritratto, dall’elettore di Sassonia Federico III il Saggio (Torgau, 1463 – Lochau, 1525), che nella primavera del 1496 si trovava a Norimberga per la Schlosskirche (Castle Church) di Wittenberg.

Della commessa, in un primo tempo (1496-97), fu realizzato dall’artista soltanto il pannello centrale, mentre i due laterali furono portati a termine tra il 1503 e il 1504, in connessione – si pensa – ad una orribile pestilenza. Tuttavia la loro autografia, a differenza del pannello centrale presentato in questa pagina (“Adorazione del Bambino), venne a suo tempo messa in dubbio. L’altare rimase nella Castle Church fino al 1687, anno in cui venne trasferita alla Gemäldegalerie di Dresda.

“L’adorazione del Bambino”:

Il dipinto in esame è certamente autografo. Gli studiosi, tra i quali il maggior sostenitore è lo Schürer (“ZK” 1937), vi evidenziano elementi fiamminghi nella costituzione della figura della Madonna e nell’aneddotica di san Giuseppe: nel massiccio volto della Vergine, configurato al limite della volgarità nella posata e tranquilla adorazione, appesantito probabilmente, nell’arco dei secoli, dall’incontrollato incupimento delle tenui gamme cromatiche, Pauli (1915) volle identificarvi il ritratto di Agnes Dürer.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *