Arte ed ansia – dipingere migliora l’umore e abbatte gli stati ansiosi

Arte e ansia: l’arte influisce positivamente sull’umore e sugli stati d’ansia.

Stefano Busonero: Esperienza
Stefano Busonero: Esperienza

Attenzione: ciò che viene descritto nella presente pagina potrebbe non essere efficace, o addirittura provocare danni alla salute. Questo scritto ha solo un fine illustrativo.

Fare arte fa bene allo spirito! Dipingere combatte ansia e attacchi di panico

Una recente ricerca, effettuata dall’Università Drexel a Philadelphia, ha messo in evidenza gli effetti benefici del dipingere su stati d’ansia e attacchi di panico.

Secondo lo studio americano, questa pratica aiuta a combattere i sopracitati disturbi.

Non occorre perciò essere dei pittori provetti, o dei veri artisti, per ottenere il massimo da quei momenti di pieno relax, quando ci immergiamo “anima e corpo” nella creatività, impiegando i vari colori.

Il dipingere risulta quindi un’ottima alternativa alle terapie farmacologiche, di cui – soprattutto a riguardo dei nostri stati interiori – siamo poco entusiasti.

Oggi sappiamo che i vari tipi di ansia e di attacchi di panico si possono affrontare anche impiegando processi creativi. I risultati sono documentati dallo studio dei ricercatori del dell’Università Drexel a Philadelphia (College of Nursing and Health Professions).

Quella ricerca ci informa come il praticare attivamente la pittura possa abbattere i tipici disturbi legati all’ansia. Si parla anche di come si possano risolvere gli aspetti più estremi – ma anche quelli più comuni – come la nausea, le vertigini, la tachicardia, la sensazione di soffocamento ed il terrore della morte (attacchi di panico)

Il dipingere e il conseguente miglioramento dello stato d’animo

Circa il 75% degli aderenti allo studio (si parla dei pazienti) ha ottenuto vistosi miglioramenti sul proprio umore nella vita di ogni giorno. Tutto questo a prescindere dalla riuscita – più o meno positiva, o addirittura negativa – riguardo al “risultato dell’oggetto della creatività”, cioè del quadro portato a termine. E qui si sottolinea che non è affatto l’aver creato qualcosa di bello a abbattere le ansie sul pittore provetto o sul principiante inesperto! È infatti l’atto in sé – sereno e spensierato – del dipingere che aiuta a vivere una vita più tranquilla. Ben venga comunque, per la soddisfazione del nostro animo, l’opera d’arte ben riuscita!

Quindi ognuno di noi – anche chi non ha mai preso in mano un pennello – può abbandonarsi al piacere di dipingere e colorare, scegliendo spensieratamente i colori preparati sulla propria tavolozza … ricevendone benefici!

Naturalmente l’atto del dipingere non deve diventare una lotta con sé stesso per cercare di ottenere il massimo risultato, ma essere un vero e proprio svago. “spensierato”! In tal modo ci si diverte nella scelta delle varie gradazioni cromatiche, dei chiaroscuri e quindi delle tonalità che più ci ispirano: quelle, cioè, che provengono dall’anima! Contribuiscono a tutto questo anche i ripetuti risciacqui del pennello e le varie selezioni dei colori da stendere sulla tela, nonché i più che necessari ripensamenti (cancellature e rifacimenti).

La ‘pratica attiva’ della pittura produce effetti rilassanti

Non solo il gioco di impastare serenamente i colori! Anche la gestualità – qualsiasi essa sia – impiegata nell’apporre i pigmenti sulla tela, fa parte di quelle operazioni semplici che danno un valido contributo alla percezione del potere della creatività.

Tutto questo, che non è altro che una distrazione dai sintomi ansiosi, innesca stati rilassanti e distensivi. In relazione a questo, il sottovalutare l’efficacia di questi metodi, certamente innocui, non aiuta certo a diminuire bisogni di sostanze farmacologiche.

Entrerà in funzione anche l’immancabile effetto placebo, ma quest’ultimo sarà soltanto un qualcosa in più … benvenuto placebo! Tuttavia l’atto del dipingere – cioè fare attivamente pittura, sia con basi preventivamente disegnate, sia solo quella gestuale – non è l’unica tecnica impiegata per abbattere gli stati ansiosi e di panico.

Ci si può indirizzare in molte altre attività ad essa correlate. Si pensa alla lettura, alla scultura della cera e argilla, al giardinaggio e ad altre pratiche di svago.

La potenza del ‘fare e creare’ dà sempre i suoi frutti, soprattutto perché vi è sempre presente il ruolo della creatività.

Che cos’è l’ansia e come si combatte

Nei precedenti paragrafi si è parlato di come l’arte, in particolare l’atto del dipingere, possa migliorare gli stati ansiosi della persona che la pratica attivamente.

Quanto detto in questo articolo risulta essere effettivamente un valido aiuto nella prevenzione e nell’abbattimento di tali disturbi. Spesso, però, si ha a che fare con stati ansiosi molto profondi, per cui il fare arte diventa soltanto un piccolo palliativo.

Essendo, questo, un sito d’arte, soprattutto di pittura, mi è sembrato opportuno collegare l’atto del dipingere agli stati d’ansia, ma per approfondimenti su questi tipi di disturbi esistono in Internet molti siti web che ne parlano professionalmente. Un ottimo articolo sull’ansia si trova nella pagina Disturbo d’ansia generalizzato di mia figlia Pamela Busonero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.